Giornale censura necrologio perché ‘un uomo non può avere un marito’

Un quotidiano locale ha censurato un necrologio perché il figlio della defunta è sposato con un uomo.

E’ una storia incredibile quella che arriva dagli Stati Uniti d’America.

Barry Gilles ha pianto la morte della madre Brenda Light, pubblicando un necrologio sul quotidiano locale The Olton Enterprise. Barry è da 31 anni sposato con John Gambill, ovviamente citato nel necrologio ma censurato dal quotidiano perché ‘Dio sostiene che l’uomo non possa avere un marito‘. A riferire la folle notizia Fox10.

Phillip Hamilton, editore del giornale, ha difeso la scelta di mettere mano al necrologio perché la Bibbia dice che un uomo ‘non può’ sposare un altro uomo. “È mia convinzione religiosa che un uomo non possa avere un marito. Credo che pubblicare qualsiasi cosa contraria alla Parola di Dio su questo tema significherebbe pubblicare qualcosa di falso. Non sarebbe etico pubblicare una notizia che a detta dell’editore è falsa. Basandomi sulla verità trovata nella Parola di Dio, non potrei mai e in buona coscienza identificare il signor Gambill come il marito di Mr Giles“.

Parole a dir poco deliranti che hanno ovviamente scosso il povero Barry, già di suo affranto per la perdita dell’amata mamma ed ora umiliato da un editore locale che ha deciso di cancellare il suo matrimonio con il marito John. Altri giornali locali hanno pubblicato il necrologio per intero, senza omettere nulla.

Ti suggeriamo anche  GF 16, insulti omofobi a Cristian Imparato: Daniele lo chiama "chec*a"