Google e la palestra gay friendly “a cui appartenere”

di

Lo spot che promuove un servizio di Google per le aziende, sceglie un messaggio friendly

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
5481 1

Per pubblicizzare il suo programma Google+ Your Business, l’azienda di Mountain View ha pubblicato un video in cui racconta la storia di Jacob, un uomo nato nel corpo di una donna e che sta affrontando il suo percorso di transizione per essere finalmente l’uomo che sente di essere da sempre. La palestra che frequenta, City Gym, lo ha accolto nel modo migliore possibile perché, come spiega la proprietaria Hailee Bland Walsh, è convinta che la sua palestra “deve essere più che un posto dove allenarsi. Deve essere un posto a cui appartenere”.
In un solo spot, due aziende scelgono un messaggio di inclusione per pubblicizzare la loro attività. Del resto, Google è nota per essere una delle aziende più gay friendly dell’IT.

Leggi   TDoR: la giornata internazionale per ricordare le vittime di transfobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...