Google e la palestra gay friendly “a cui appartenere”

Lo spot che promuove un servizio di Google per le aziende, sceglie un messaggio friendly

Per pubblicizzare il suo programma Google+ Your Business, l’azienda di Mountain View ha pubblicato un video in cui racconta la storia di Jacob, un uomo nato nel corpo di una donna e che sta affrontando il suo percorso di transizione per essere finalmente l’uomo che sente di essere da sempre. La palestra che frequenta, City Gym, lo ha accolto nel modo migliore possibile perché, come spiega la proprietaria Hailee Bland Walsh, è convinta che la sua palestra “deve essere più che un posto dove allenarsi. Deve essere un posto a cui appartenere”.
In un solo spot, due aziende scelgono un messaggio di inclusione per pubblicizzare la loro attività. Del resto, Google è nota per essere una delle aziende più gay friendly dell’IT.

LEGGI ANCHE

Sport

Martina Navratilova di nuovo contro le atlete trans: ‘è una...

L'ex campionessa di tennis torna a sferrare un durissimo attacco alle atlete e alla comunità transgender. Riesplode la polemica.

di Federico Boni | 18 Febbraio 2019

Storie

7 cose da non fare con una persona trans

Se non sapete come comportarvi davanti a delle persone transgender, vi diamo qualche consiglio.

di Eddie Fellino | 16 Febbraio 2019

Donne

Tutele transgender, esistono anche per le persone che non potranno...

Abbiamo chiesto all’avvocato Giovanni Guercio quali strade percorrere per una tutela giuridica da parte di una persona transgender.

di Eddie Fellino | 18 Gennaio 2019