Ex membro ISIS: gli integralisti stuprano i gay prima di ammazzarli

L’ex militante confessa: “Uccidono e decapitano persone innocenti, derubano e compiono i peggiori atti possibili, come stuprare gli omosessuali“.

L’organizzazione terroristica islamica ISIS utilizza lo stupro come punizione sistematica per i presunti omosessuali: questo è quanto ha confessato un ex membro del gruppo integralista,

 Kamandar Bakhtiar, questo il nome dell’uomo, ha raccontato a Alaan Tv, un’emittente degli Emirati Arabi: “Durante i tre mesi che ho passato in ISIS, ho visto le cose peggiori che si possano immaginare sulla faccia della Terra”“Uccidono e decapitano persone innocenti, derubano e compiono i peggiori atti possibili, come stuprare gli omosessuali”. L’uomo ha anche aggiunto che ciò che ISIS fa è contrario agli insegnamenti dell’Islam.

È una conferma quella che arriva dall’ex membro del gruppo islamico: ISIS sistematicamente condanna a morte chiunque sia gay o venga anche solo accusato di esserlo.

Generalmente i terroristi fanno riferimento agli omosessuali come alle “peggiori creature” che esistono. I terroristi hanno anche diffuso un video di propaganda che fornisce un chiaro, terrificante avvertimento su cosa accade agli omosessuali nei paesi posti sotto il loro controllo. Nel video si vedono uomini gettati dal tetto di un edificio, lapidati a morte e decapitato.

Ti suggeriamo anche  “In Algeria un gay viene torturato, come può essere definito un Paese sicuro?”: polemiche sul Governo
Storie

Porta Venezia: regole certe per i locali del Rainbow District

Le chiede Paolo Sassi del Lecco, a fronte delle polemiche sulla "movida" e rischio Covid nel quartiere LGBT di Milano.

di Redazione