Laura Bush, Colin Powell e Dick Cheney: repubblicani per le nozze gay

Hanno dichiarato, tutti e tre, di essere favorevoli alle nozze gay. Ora, le affermazioni dei più importanti esponenti dei governi di George W. Bush fanno parte di una campagna per il matrimonio gay.

Se mettiamo insieme tre nomi, Laura Bush, Dick Cheney e Colin Powell, la prima cosa che viene in mente è George W. Bush e i suoi governi che definire conservatori sarebbe eufemistico.

Eppure, la moglie dell’ex presidente, il suo ex vice e il suo ex Segretario di Stato, praticamente i pezzi più importanti dei governi Bush, sono diventati testimonial di una campagna a favore dei matrimoni gay intitolata “Time 4 Marriage” che userà delle loro apparizioni video in cui sostengono di non avere nulla in contrario a che anche alle coppie dello stesso sesso venga riconosciuto il diritto a sposarsi.

Il video fa parte di una campagna da 1 milione di dollari lanciata da un cartello di associazioni che sostengono il matrimonio egualitario e che si chiama Respect for Marriage Coalition. In onda in tv a partire da domenica prossima, la clip sarà accompagnata da una pressante campagna pubblicitaria sui quotidiani. Ecco il video:

Ti suggeriamo anche  Harvey Milk: 39 anni fa l'assassinio del primo gay eletto negli Stati Uniti