Le parole degli omofobi diventano coriandoli per i matrimoni gay

di

Così un'azienda di Dublino ricicla l'odio per finanziare la campagna "Yes equality".

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4708 0

“Siamo abituati a fare belle cose con la carta, per questo quando abbiamo visto che la carta veniva usata per stampare bugie orrende contro il referendum sul matrimonio egualitario, abbiamo deciso di fare qualcosa”. Così Daintree Paper, un’azienda di Dublino che realizza prodotti con la carta, spiega come è riuscita a trasformare l’odio omofobico in un modo per finanziare la campagna del sì al referendum del prossimo 22 maggio tramite il gruppo Yes Equality.
L’iniziativa si chiama “A Shred of Decency” (letteralmente “Un brandello di rispetto”) e non fa altro che raccogliere i volantini diffusi da chi fa propaganda contro il matrimonio egualitario, stampare slogan dello stesso tipo diffusi su internet o quelli raccolti e inviati dai clienti e poi ridurre la carta usata per la stampa in coriandoli a forma di cuore da usare durante le cerimonie dei matrimoni gay.
“Ogni volta che queste brutte bugie vengono stampate – spiegano nello spot dell’iniziativa -, noi realizzeremo bellissimi coriandoli”.

Secondo i sondaggi, gli irlandesi favorevoli al matrimonio tra gay superano di gran lunga il quorum necessario alla vittoria del sì. Secondo alcuni rilevamenti, sarebbero il 70 per cento, ma secondo altri si arriva all’80 per cento.
Qualche giorno fa, inoltre, il parlamento ha definitivamente approvato la legge che consente alle coppie gay e lesbiche di adottare bambini.

Guarda anche: L’odio diventa amore nella pubblicità gay friendly dei biscotti

Leggi   Svizzera, approvata in via definitiva la legge contro l'omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...