Lorenzo Fontana: “Ma quale omofobo, ho amici gay che mi apprezzano anche dal punto di vista fisico”

“Quanti omosessuali in questo governo”, ha tuonato l’ex ministro Lorenzo Fontana. Ovviamente ‘pieno’ di amici gay. E non omofobo. Ovviamente…

Ex ministro per la famiglia e le disabilità ed ex ministro per gli affari europei del primo naufragato governo Conte a trazione leghista, Lorenzo Fontana è tornato a parlare, utilizzando toni apocalittici nei confronti del secondo governo Conte, formato da Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e LEU.

Intervistato da Klaus Davi per Klaus Condicio, Fontana ha sottolineato come nell’attuale esecutivo ci siano diverse persone LGBT: «Penso (che gli omosessuali, ndr) siano rappresentati anche all’interno di questo governo e anche se non conosco le storie di ognuno, presumo ce ne siano diversi». Letteralmente ossessionato da noi omosessuali, il leghista ha poi indirettamente accusato la fantomatica ‘lobby gay’ di aver pesato sulle sorti del primo governo Conte.

Sono più che altro persone di sinistra con una visione diversa dalla mia. A livello europeo esiste una lobby molto organizzata sui propri interessi e sui propri diritti. Ma anche in Italia tutti quelli che mi hanno osteggiato sono contenti, perché questo è un governo molto di sinistra che sulle politiche della famiglia ha visioni completamente diverse dalle mie e che farà cose che io non avrei mai fatto.

Ma di omofobia, l’ex ministro per la famiglia, non vuole parlare. Anzi.

Per me conta molto poco (l’orientamento sessuale di una persona, ndr), conta la bravura. Certamente ho amici omosessuali. Non sono assolutamente omofobo, né Salvini lo è. Le racconto una curiosità: ho molti amici fraterni a Bruxelles che mi hanno detto che sono anche abbastanza apprezzato dal punto di vista fisico, da parte di qualcuno. Chiaramente non era una cosa che mi interessasse.

Sapesse quanto possa interessare a noi, caro deputato.