Matteo Salvini vs. Disney: ‘No ad Elsa di Frozen lesbica’ – video

Nel pieno di un comizio elettorale Matteo Salvini si è scagliato contro la Disney e l’ipotesi che Elsa di Frozen possa amare una donna.

A 48 ore dal voto elettorale Matteo Salvini, tra un verso del Vangelo e una bordata agli immigrati, ha trovato tempo e modo per occuparsi del ‘caso Frozen’.

Nell’annunciato sequel Disney, infatti, la protagonista Elsa potrebbe andare incontro ad un amore LGBT. Nulla di ufficiale, tutt’altro, ma le petizioni comparse on line negli ultimi anni hanno trovato breccia, come confermato dalla co-regista Jennifer Lee. Questo significa che vedremo la Regina di Frozen amare una donna? Difficile, se non impossibile, ma a Salvini è bastata la semplice ipotesi per far andare la mosca al naso. Un comizio elettorale capitolino è così diventato il palcoscenico perfetto per un attacco alla Disney.

Ho una bimba di 5 anni, so tutto di Anna ed Elsa di Frozen. Leggevo che la Disney sta preparando il sequel per il 2019, con una responsabile Disney che ha rivelato come ‘stiamo valutando se Elsa potrà diventare gay‘. ‘Ora, io dico ognuno fa quello che vuole, però non avete come l’impressione che ci stiano preparando un mondo al contrario in cui ha più diritto l’immigrato rispetto all’italiano, dove giocare con due bambolotti, maschietto e femminuccia, dove ci sono alcune scuole in cui spiegano che non c’è differenza tra maschietto e femminuccia, che siamo tutti uguali. Anzi, basta con queste bambine che giocano con le bambole e questi bambini che giocano a calcio. Ci sono scuole con insegnanti deliranti in cui mettono i bambini a giocare con le bambole e le bambine a giocare a calcio. Ma faranno quel che vogliono, ma il buon Dio c’ha fatto diversi gli uni dagli altri. Non possiamo far finta che siamo tutti indistinti, io son preoccupato e voglio intervenire prima‘.

Ti suggeriamo anche  "Scusati di essere gay", due minori arrestati per un'aggressione omofoba in metropolitana

Come intervenire, Matteo Salvini, non l’ha ovviamente rivelato. Certo è che nella sua comica crociata contro la Disney il candidato Premier leghista ha messo in mezzo di tutto, cavalcando ancora una volta quelle fantomatiche ‘teorie gender‘ che la propaganda omofoba estremista ci propina da anni. In casa Disney, ovviamente, terranno in seria considerazione l’ultima battaglia della Lega salviniana.