Minacce di Forza Nuova contro i “femminielli” alla Candelora

Tensioni, per fortuna ridimensionate ad un pesante scambio di battute, sul sagrato del monastero di Montevergine tra Vladimir Luxuria e i neofascisti. Nel pomeriggio dibattito al Circolo della Stampa.

^f1Una temperatura bassissima ha accolto la tradizionale processione della Candelora al Santuario benedettino di Montevergine, ad Avellini alla quale, come ogni anno, hanno partecipato centinaia di fedeli tra cui i cosiddetti "femminielli", rappresentati di associazioni lgbt e diverse persone gay, lesbiche e transgender. Ad accompagnarli anche quest’anno l’ex parlamentare Vladimir Luxuria per niente intimorita dalle minacce subite dai locali militanti di Forza Nuova intenzionati, tra l’altro ad impedire quella che hanno definito "una manifestazione blasfema e incivile", mostrando di non conoscere la lunga tradizione della Candelora che risale al culto di Cibele, guidato da sacerdoti evirati, con lunghi capelli, vestiti da donna e con il viso truccato. Proprio a causa del tentativo di intervenire alla manifestazione da parte dei militanti di Forza Nuova ha portato nei pressi del sagrato a tensioni che però state state circoscritte, anche per la presenza di decine di carabinieri e poliziotti, e si sonolimitate ad un duro scambio di battute a distanza tra i neofascisti e Luxuria.

^rf2L’attuale abate, monsignor Beda Paluzzi, ha vietato alle troupe televisive di riprendere la funzione religiosa più importante della mattinata, quella di mezzogiorno, concedendo però l’ingresso per la celebrazione che si è svolta un’ora prima. Vladimir Luxuria, prima di lasciare Avellino, ha confermato le sue accuse di razzismo nei confronti degli esponenti di Forza Nuova. La processione è stata preceduta dall’arrivo del "transbus" davanti al Comune di Avellino, dopo aver girato per le strade della città. Mentre scriviamo, inoltre, è in corso Circolo della Stampa un dibattito sul tema "Libertà, Legalità Lavoro" moderato da Carlo Cremona e con la partecipazione,in videoconferenza, di Paola Concia, l’assessore alle Pari Opportunità della Provincia di Avellino Antonia Ruggiero, la presidentessa dell’associazione TransGenere Fabianna Tozzi Daneri, la consigliera di Parità della Provincia di Avellino Mimma Lomazzo, Giuliana Guida, Segretaria Regionale CGIL, Vanda Spoto, Presidentessa Lega Regionale COOP Campania e l’assessore alle Pari opportunità del comune di Napoli Valeria Valente che parlerà di "Grandi comuni contro l’ Omo- e trans-fobia".

Ti suggeriamo anche  Genova, niente patrocinio al Pride. Il sindaco: "Scelta che garantisce libertà di tutti"

Ecco alcune immagini della giornata girate da videocomunicazioni.com