Monica Cirinnà e Zan sulla Gay Street: il video

di

"Grazie per avermi dato forza contro la cavalleria medievale". E via col brindisi sulla Gay Street!

CONDIVIDI
102 Condivisioni Facebook 102 Twitter Google WhatsApp
2703 0

Sono continuate fino a tarda sera le celebrazioni per l’approvazione delle unioni civili: dopo la gioia delle personalità politiche e dei membri delle associazioni LGBTI alla Fontana di Trevi (qui per il nostro video), la festa si è spostata dalle 22 sulla Gay Street, dove il Gay Center romano ha radunato i protagonisti della giornata storica e la comunità LGBTI locale.

Monica si è spogliata delle vesti “ufficiali” e ha parlato col cuore a tutti noi: “Vi voglio anche chiedere scusa, io che sono un’eterosessuale sposata, perché noi eterosessuali abbiamo fatto finta di non vedervi per troppi anni. Andiamo verso la stagione dei grandi Pride, il movimento resti avanguardia e non accontentatevi mai, fino a chiedere il matrimonio egualitario. Grazie perché tutto il vostro amore mi ha fatto resistere contro tutta la cavalleria medievale, la parte più retriva di questo Paese“. Un pensiero è andato anche a Franco Grillini, definito un “maestro”: “Ti vogliamo ai nostri Pride, guarisci presto!”. Poi una battuta, riferita a Ivan Scalfarotto: “Molti ci hanno definito l’orco e la strega, io sono fiera di aver avuto quest’orco!”.

È poi intervenuto Alessandro Zan, che ha subito ricordato la commozione conseguente all’intervento finale alla Camera: “Pensate che cambiamento epocale ci sarà per quei ragazzi omosessuali che guarderanno la tv e diranno: ‘Io esisto‘, e non faranno come quel ragazzo di Bari che si è suicidato perché non accettato dai propri genitori”. Ha parlato anche Gennaro Migliore, sottosegretario alla Giustizia, che ora dovrà lavorare ai decreti per rendere subito effettiva la legge: “I decreti li faremo in tempo, perché chiunque lo desideri non debba aspettare nessuna burocrazia per dichiarare il proprio amore davanti a un ufficiale della pubblica amministrazione. I diritti che oggi abbiamo votato devono diventare comuni”.

Dopo i discorsi, un nuovo brindisi e via coi festeggiamenti! Ripercorriamo quei momenti insieme guardando il video in alto, trasmesso in diretta sulla nostra pagina Facebook!

Leggi   Cuba, dopo l'addio dei Castro si avvicina il matrimonio egualitario
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...