Al Prix Italia vince “Il nostro matrimonio gay: il musical”

La produzione inglese del 2014 di Channel 4 vince il prestigioso premio a Torino

Molte produzioni europee tra i vincitori del 67° Prix Italia, il premio internazionale per la radio, la tv e il web che si è tenuto fino a ieri a Torino organizzato dalla RAI. Sul podio ci sono infatti Germania e Gran Bretagna con tre premi, Polonia, Russia, Svezia, Norvegia, Francia, Spagna, anche se si affacciano l’Oriente, con la Corea del Sud, e il Nord America, con il Canada che si aggiudica due premi.
A sorpresa, nella sezione Rappresentazioni Artistiche, ha vinto una produzione per la tv inglese Channel 4, “Il nostro matrimonio gay: il musical” (in originale: Our Gay Wedding: The Musical) di Ellen Hobson, Claire Lewis, Tim Van Someren per l’inglese Channel 4. Per la giuria un “programma attuale, appassionato e arguto che racchiude un messaggio sociale e al tempo stesso romantico. Una televisione coraggiosa, creativa e originale”.
‘Our Gay Wedding: The Musical’ è il bel racconto del matrimonio tra Nathan Taylor e Benjamin Till, coppia che ha pensato bene di comporre un musical ad hoc per il giorno più importante della loro vita. Con tanto di messaggi inviati da Boy George, Will Young, Peter Tatchell, Nick Clegg, Ed Miliband e Lesley Garrett. Il loro matrimonio si è tenuto il 29 marzo 2014, il primo giorno in cui diventò legale per le persone LGBT in Inghilterra ed in Galles potersi sposare. Storie di straordinaria normalità, insomma.
A questo link trovate un altro spot del programma e qui, non sappiamo ancora per quanto tempo, il programma per intero.

LEGGI ANCHE

Storie

Rose rainbow per San Valentino: la campagna di solidarietà per...

Una celebrazione per ogni tipo di amore, con un aiuto concreto ai senzatetto della comunità.

di Alessandro Bovo | 7 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, il Governo assegna 3 milioni di euro a...

Ricco assegno staccato dal Governo inglese a 12 associazioni LGBT del Regno Unito.

di Federico Boni | 4 Febbraio 2019

Storie

Il Giappone fa progressi in campo LGBT: alcune città riconosceranno...

Chiba è la terza città a riconoscere le coppie same-sex. Ci sono anche Fukuoka e Sapporo, che riconosce anche le...

di Alessandro Bovo | 29 Gennaio 2019