Milano: chiedono a Rihanna un autografo per beneficenza. Lei rifiuta

Raggiunta all’uscita di un noto ristorante milanese la popstar non ha esaudito la richiesta di due ragazzi che raccolgono autografi di personaggi famosi contro la violenza sulle donne.

Sul web impazza il caso di Rihanna che rifiuta un autografo di beneficenza. Responsabili della cattiva pubblicità alla regina delle Barbados sono i PauBoys, ovvero Andrea e Francesco, due giovani ragazzi appassionati di musica e da sempre fan di Laura Pausini, che raccolgono autografi di personaggi famosi per White Mathilda, un’associazione di strada, nata per aiutare a combattere la violenza di genere, soprattutto contro le donne.

Schermata 2016-07-13 alle 14.15.57

Ieri sera i due hanno intercettato Rihanna mentre usciva da un noto ristorante milanese e le hanno chiesto di firmare il suo disco appunto com’è loro prassi, per sostenere le attività benefiche per cui si spendono. Scortata alla grande da diverse guardie, Rihanna si allontana di fretta, tornando sull’auto, “dalla quale poco prima è uscita un’incredibile puzza di fumo (che a noi non sembrava proprio fosse di sigaretta) snobbando noi e la causa”, riferiscono i due, forse con un po’ di rancore.

Attraverso il vetro, a quel punto, Andrea e Francesco le hanno chiesto un solo autografo contro la violenza sulle donne. Lei ha abbassato la testa, guardando lo schermo del cellulare, senza dire nulla e la macchina è ripartita. 

“Crediamo che un personaggio pubblico debba rispetto e gratitudine soprattutto ai propri fan, che spendono soldi tra concerti e cd (spesso con sacrificio) e che permettono a loro di girare il mondo, di alloggiare in hotel di lusso o di avere ville da milioni di dollari (…). Sarebbe bastato allungare il braccio, rilasciare un autografo per beneficenza e magari esclamare un “Thank You!”.

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni