Storie di rugbisti gay: il documentario australiano Scrum

di

Uno sport tradizionalmente molto virile e rude raccontato dal punto di vista di tre atleti omosessuali.

CONDIVIDI
116 Condivisioni Facebook 116 Twitter Google WhatsApp
17459 1

Vivere l’omosessualità nello sport spesso è assai complicato, a causa dell’omofobia e del machismo che circolano in molti ambienti sportivi. Ma alcuni sport probabilmente sono, almeno a livello estetico, più condizionati e inclini allo stereotipo degli altri. Tra questi sicuramente il rugbyScrum racconta le storie di tre rugbisti dei Sidney Convicts, un team aperto a giocatori gay, mentre si preparano alla settima edizione della Bingham Cup a Sidney, con più di mille partecipanti da 15 nazioni diverse.

scrum

La coppa del mondo del rugby è intitolata all’eroe Mark Bingham, il coraggioso giocatore che è morto tentando di bloccare i terroristi che poi hanno fatto cadere il volo United Flight 93 vicino Washington l’11 settembre 2001. Bingham era un giocatore dei San Francisco Fog.

woof-768x406

Il documentario, diretto da Poppy Stockwell, racconta di Aki, giocatore giapponese che ha lavorato per due anni per potersi pagare il viaggio a Sidney, Brennano, il perfetto rugbista canadese con un fisico possente e un’ottimo record sportivo ma che è stato allontanato dalla sua squadra dopo aver scoperto che era gay e Pearse, il ragazzo irlandese che era oggetto di bullismo a scuola.

Scrum porta lo spettatore nel combattivo e sudato mondo della Bingham Cup e si trasforma da film sulla gara a film che trova il suo centro nei temi universali di accettazione, lavoro di squadra e…cameratismo tra maschi sudati.

http://scrumdocumentary.com/

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...