We Share, partecipa alla 2a importantissima ricerca dell’UE sulle persone LGBTI

In base ai risultati del sondaggio, sarà possibile orientare strategie ed attività di promozione e sostegno delle comunità LGBTI volte alla creazione di un ambiente libero dalle discriminazioni, in cui si possa vivere ed esprimersi liberamente.

Al fine di sostenere la legislazione e il processo decisionale in materia di diritti LGBTI, l’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) ha lanciato un sondaggio LGBTI in tutta l’Unione con un questionario on-line per raccogliere i pareri di persone gay, lesbiche, bisessuali, transgender e intersessuali che vivono nell’Unione Europea, in Serbia o nella Macedonia del Nord e abbiano un’età pari o superiore a 15 anni.

Questo perché fino ad oggi nell’UE, a parte qualche sporadica notizia riguardante episodi di discriminazione di cui sono vittime persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali (LGBTI), sono stati raccolti pochissimi dati comparabili relativi alle esperienze quotidiane di discriminazione subite dalle persone LGBTI. La partecipazione al sondaggio (cliccate QUI per partecipare, selezionando la lingua italiana, in alto a destra) è importantissima e vi richiederà pochi minuti di tempo; le risposte verranno trattate in modo anonimo, affinché nessuno possa riconoscerle quando saranno presentati i risultati.

In base ai risultati del sondaggio, i decision makers a livello nazionale ed europeo, nonché le organizzazioni non governative o della società civile, saranno in grado di orientare meglio le loro strategie ed attività di promozione e sostegno della comunità LGBTI volte alla creazione di un ambiente libero dalle discriminazioni, in cui si possa vivere ed esprimersi liberamente. Al fine di dare il giusto peso ai risultati, l’indagine conta sulla partecipazione di un ampio e diversificato gruppo di persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali in ogni paese coinvolto. Questo è il secondo ciclo dello sforzo profuso a livello UE per raccogliere le esperienze delle persone LGBTI attraverso il sondaggio più ampio mai svolto in questo settore.

Ti suggeriamo anche  ILGA 2019, Italia sempre peggio sui diritti LGBT: 34esimo Paese d'Europa su 49

Il sondaggio viene commissionato dall’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA), mentre l’implementazione tecnica è a cura di Agilis, un’azienda di consulenza statistica, con la comunicazione a cura di Homo Evolution, un’organizzazione dedicata alla comunicazione per la comunità LGBTI.