Sul lastrico per avere un figlio. In un video chiedono donazioni

La storia di Yuval e Liran, israeliani, andati in bancarotta nel tentativo di avere un figlio. Adesso chiedono soldi con una sottoscrizione pubblica. Su internet hanno già raccimolato 5000 dollari.

Nonostante il buon tenore di vita delle persone lgbt in Israele, il paese mediorientale deve ancora concedere diritti di coppia come i matrimoni gay e le adozioni. Anche per questo Yuval e Liran, insieme da 7 anni, hanno provato di tutto pur di avere un bambino. Tentativi che sono costati moltissimo, fino a portarli alla bancarotta. Per questo adesso ci stanno provando con un sito di crowdfunding, uno di quelli che consente tramite le donazioni di ognuno di arrivare a guadagnare la cifra sperata per portare a termine il proprio progetto. Nel caso dei due ragazzi israelini non si tratta di un’invenzione o di una nuova tencologia da brevttare ma di un figlio. Per adesso, i due hanno raccimolato 22,000 Shekels, circa 5.000 dollari. In questo video raccontano la loro storia con dei cartelli simili a quelli scritti dagli italiani Stefano e Federico , tra pochi giorni sposi a New York. Per visualizzare i sottotitoli in inglese basta cliccare su “CC” e selezionare “English”.

Ti suggeriamo anche  Torino, domenica torna la Festa per tutte le Famiglie: pranzo in piazza Carlo Alberto
Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni