All'ignoranza rispondiamo con i fatti. Con Marco Alessandro Giusta, Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Torino e Alessandro Battaglia, responsabile Coordinamento Torino Pride.

Pubblicato da Chiara Appendino su Sabato 2 luglio 2016

Torino: la neosindaca Appendino copre i manifesti imbrattati del Pride

di

"È un atto da condannare, ma una condanna non basta: ho deciso di venire di persona a coprire questo scempio". E la Appendino promette che sfilerà al Pride.

CONDIVIDI
320 Condivisioni Facebook 320 Twitter Google WhatsApp
6578 1

Chiara Appendino, sindaca di Torino del Movimento 5 Stelle appena insediata, ha già dato un forte segnale di sostegno alla comunità LGBT.

torino_pride_svastica

Dopo che i manifesti del Pride, che si svolgerà il 9 luglio, erano stati imbrattati di svastiche e croci celtiche nei giorni scorsi, la Appendino ha deciso di risolvere di questione la cosa: recandosi sul posto a coprire, insieme a Marco Giusta (assessore alle Pari Opportunità) e Alessandro Battaglia (coordinatore del Torino Pride) i poster incriminati, impugnando la scopa e incollando di persona i manifesti puliti.

“È un atto da condannare: ma la condanna non è sufficiente, abbiamo deciso di venire di persona per attaccare dei manifesti nuovi e mettere un punto a quanto accaduto”, afferma la Appendino. “Quando vediamo questi atti è importante che i cittadini e le cittadine di Torino, come le istituzioni, si alzino in piedi e compiano degli atti proprio per rispondere a questa violenza“, dice Marco Giusta. “Il 9 luglio noi celebreremo l’amore, non l’odio simboleggiato da questi simboli: ora copriremo questo scempio”, chiude Alessandro Battaglia. E la Appendino aggiunge: “Ci vediamo tutti al Pride“: una dichiarazione d’intenti che siamo sicuri verrà rispettata.

Leggi   Ostia e Napoli, due Pride da 50.000 persone per dire sì ai diritti e stop alle mafie
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...