Trans massacrata da tre uomini per le strade di Rio: “Stavano cercando di uccidermi”

Il video ha fatto il giro del mondo ma nessuno le ha soccorse: “Addirittura alcuni erano seduti e guardavano la scena. Sono sconvolta”.

La settimana scorsa Taisa, ragazza transgender brasiliana, è stata brutalmente picchiata a Santa Cruz, zona ovest di Rio de Janeiro, da un branco di transfobici che l’hanno accerchiata: la ragazza era per strada con la sorella, quando gli uomini sono scesi da un furgone e hanno iniziato ad insultarla.

Ho iniziato il mio percorso di transizione 6 anni fa e non ho mai subito nessun attacco di questo tipo. È stata la prima volta: credo che i ragazzi fossero già lì per farmi del male, altrimenti come mai uno di loro aveva un coltello? Come mai sono spuntati fuori da un furgone già incattiviti? Era qualcosa che volevano, volevano derubarmi e uccidermi“, ha dichiarato la ragazza a Bom Dia Rio.

La polizia ha identificato e arrestato in questi giorni i criminali: è stato confermato il movente transfobico. I tre si sono dichiarati pentiti e in un primo momento hanno addirittura sostenuto la legittima difesa. “Non può ovviamente trattarsi di difesa, visto che erano in sproporzione, tre contro uno, e che la donna era per terra svenuta“, ha dichiarato il capo distrettuale Daniel Mayr. Dopo le prime dichiarazioni i tre hanno ammesso che non si è trattato di difesa e che uno di loro ha aizzato gli altri due, in preda ad un raptus. I tre hanno confermato di aver picchiato Taisa anche mentre era ormai svenuta; è stato anche accertato che la sorella si è difesa con un coltello rubato a uno dei tre, ferendo il mandante dell’assalto allo stomaco in modo leggero.

Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo