Video dell’Onu: i ministri degli esteri a favore dei diritti lgbt

Per la prima volta da quando è stata fondata l’Onu, i ministri degli esteri si sono incontrati per parlare delle discriminazioni contro le persone lgbt. Ma dal Gambia arriva un altro messaggio.

^f1Il 26 settembre scorso i leader dei paesi aderenti all’Onu che si battono per porre fine alle discriminazioni contro le persone lgbt si sono incontrati a New York per il primo meeting ministeriale sui questi argomenti mai tenutosi dalla fondazione delle Nazioni Unite ad oggi. Nell’ambito di “Free & Equal” (Liberi e uguali”, la campagna di sensibilizzazione pubblica voluta dall’Alto Commissario per i Diritti Umani Navi Pillay, i leader presenti hanno rilasciato dichiarazioni e pronunciato impegni forti contro ogni discriminazione. Tra gli altri, hanno partecipato all’incontro: Navi Pillay, il segretario di Stato americano John Kerry, i ministri degli esteri di Argentina, Brasile, Croazia, Olanda e Norvegia, rappresentanti dell’Unione Europea, del Giappone e della Nuova Zelanda, oltre che i direttori di Human Rights Watch e della Commissione Internazionale per i diritti di gay e lesbiche. International Gay and Lesbian Human Rights Commission.

^rf2Alla fine dell’incontro, è stato realizzato un video con le parti più salienti delle dichiarazioni fatte dai leader a partire da quelle di Kerry che ha ricordato: “Quando nacque l’Onu, i fondatori dichiararono questo scopo: riaffermare la fede nei fondamentali diritti umani e nella dignità e nel valore della persona umana”. Il ministro brasiliano, poi, ha ricordato che nessun paese è esente da discriminazioni nei confronti delle persone lgbt, mentre la stessa Pillay ha ricordato che quando lei venne nominata Alto Commissario per i Diritti Umani cinque anni fa, non c’era alcun documento, nessuna campagna, nessuna dichiarazione dell’Onu a proposito dei diritti di gay, lesbiche, trangender e intersessuali. “Dobbiamo impegnarci perché ovunque nel mondo le persone che sono gay vengano trattate come tutte le altre e non siano più soggette a violenze e discriminazioni” ha aggiunto il ministro olandese.

Ti suggeriamo anche  Dal 2020, in Gran Bretagna saranno obbligatori dei corsi su relazioni LGBT

Appena poche ore dopo l’incontro di New York, però, il presidente del Gambia Yahya Jammeh dichiarava pubblicamente: “Coloro che promuovono l’omosessualità vogliono porre fine all’esistenza umana. Sta diventando un’epidemia e noi islamici e africani combatteremo per porre fine a questo comportamento”.