Allah Loves Equality, arriva il doc sulle persone LGBT* che vivono nella Repubblica islamica del Pakistan

Il regista sarà presente il 4 luglio al Pigneto Film Festival di Roma.

Docu-film italiano indipendente incentrato sulla comunità LGBTQ pakistana presentato per la prima volta in anteprima il 28 aprile 2019 al Lovers Film Festival di Torino, Allah Loves Equality arriva finalmente a Roma, il 4 luglio, al Pigneto Film Festival. Prima della proiezione, talk con il regista Wajahat Abbas Kazmi, la produttrice Elena De Piccoli, l’avvocata ed attivista LGBTQ Chaty la Torre ed il giornalista Simone Alliva.

Allah Loves Equality dà voce alle persone LGBTQIA (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersex e asessuali) che vivono nella Repubblica islamica del Pakistan: attraverso interviste realizzate a persone musulmane omosessuali e transgender e scene della loro vita quotidiana, tutti potranno conoscere la situazione dei diritti delle minoranze sessuali nel paese e quali sono gli atteggiamenti sociali nei loro confronti. Per la prima volta vere coppie omosessuali hanno deciso di mostrarsi pubblicamente e di raccontare la propria storia al mondo. Anche molte persone transgender, da coloro che lavorano come sex workers a chi sta combattendo per combattere l’HIV nella comunità, si sono raccontate apertamente.

Inoltre, nella realizzazione del documentario, si sono toccati con mano i rischi che la retorica fondamentalista fa correre a chi vive la propria identità sessuale senza nascondersi e per questo è considerato immorale e blasfemo.

In passato, il Governo del Pakistan ha sottolineato come l’omosessualità non sia mai esistita, e che i diritti LGBT siano concetti alieni al paese e pertanto provenienti dall’Occidente decadente.

Ti suggeriamo anche  Torino, rischio chiusura per lo storico festival LGBT Lovers?