‘ANIME VELOCI’, UN TRAVESTITO A BERLINO

di

Esce finalmente nelle città capo zona l'interessante thriller esistenzialista 'Anime veloci' di Pasquale Marrazzo su un travestito napoletano che fugge da Berlino insieme a un'ex detenuta politica.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2209 0

Cinema gay italiano, qualcosa si muove. Nonostante la produzione nazionale queer sia tra le meno prolifiche d’Europa (oltre a Mater Natura e ai bei ruoli lesbici secondari di Francesca Inaudi in 4-4-2 e Angela Finocchiaro in La Bestia nel Cuore -recente e meritatissimo ‘Ciak d’Oro’- quest’anno c’è ben poco da segnalare), i trionfi della comunità gay internazionale nel 2005 iniziano finalmente a dare frutti al cinema: in Manuale d’amore-altre storie di Giovanni Veronesi, seguito di un successo di cassetta con Verdone, Buy, Littizzetto e Muccino, uno dei quattro nuovi episodi è dedicato a una coppia omosessuale (alquanto bizzarra: Antonio Albanese e Sergio Rubini) che si reca a Barcellona per potersi unire in matrimonio.

È in corso la lavorazione tra la Spagna, Roma e Lecce e il film dovrebbe essere pronto per San Valentino 2007. Tornerà tra i protagonisti una vera e propria istituzione della commedia all’italiana, l’amatissimo Carlo Verdone, mentre tra i nuovi ingressi si annoverano Monica Bellucci, Fabio Volo e Barbora Bobulova.

Intanto l’estate cinematografica italiana si conferma tra le più povere e abbandonate a se stesse degli ultimi anni, con proposte seriali di horroracci di quart’ordine e ripescaggi improbabili di film addirittura del ’99, come Les enfants du siècle di Diane Kurys con Juliette Binoche e Benoît Magimel sulla storia d’amore tra George Sand e Alfred De Musset (inopinato residuo di magazzino?).

A maggior ragione non potete lasciarvi sfuggire un interessante thriller esistenzialista italiano del 2003, Anime veloci

Continua in seconda pagina^d

A maggior ragione non potete lasciarvi sfuggire un interessante thriller esistenzialista italiano del 2003, Anime veloci di Pasquale Marrazzo, distribuito da Pink Movie il 7 luglio a Napoli e il 14 a Torino, Roma e Milano (visti i tempi di sopravvivenza estiva non bisogna tergiversare) e passato in concorso due anni fa al Togay con un montaggio leggermente diverso (è stato il primo e per ora unico lungometraggio italiano ad avere l’onore della competizione nella storia del festival torinese). Ambientato in una Berlino austera e poco ospitale, racconta due insolite vicende intrecciate dai capricci del caso: un travestito napoletano buddista praticante, Francesco detto Francesca (un incisivo Giovanni Brignola), si trasferisce nella capitale tedesca dove si prostituisce insieme a una coetanea minuta e dal carattere non facile, Giada (Elisabetta D’Arco). Un suo cliente, Andreas, si innamora di lui ma viene minacciato da un’ex detenuta politica, Susanne, che viene a scoprire da alcuni dossier della Stasi, ovvero i Servizi Segreti della Germania dell’Est, di essere stata spiata da lui. Una morte violenta costringerà Francesco a fuggire in Italia insieme a Susanne.

Ottime interpretazioni (memorabile Arnoldo Foà nel ruolo cameo del padre di Susanne) per una pellicola inusuale che mescola temi e tracce molto diversi tra loro – il travestitismo, il thriller plot, i rapporti familiari – ideale per chi ama il genere poliziesco ‘contaminato’ da urgenze melò alla Tom Tykwer.

Guarda lo speciale su Gay.it

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Cinema.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...