Berlino: La trans filippina Raquela vince il Teddy

di

Il premio gay berlinese va a ‘The Amazing Truth About Queen Raquela’, una commedia drammatica su una prostituta trans filippina ma diretta dall’islandese Olaf De Fleur. Segnalati Hofer...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1513 0

Il 22° Premio Teddy per il miglior film presentato alla Berlinale, scelto da una giuria internazionale composta da otto esponenti di festival glbt (Usa, Polonia, Grecia, Germania, Indonesia, Romania, Hong Kong e Israele), va a una curiosa commedia drammatica, ‘The Amazing Truth About Queen Raquela’ (‘La stupefacente verità sulla regina Raquela’), diretta dal regista islandese Olaf De Fleur. La storia semiautobiografica è quella della protagonista Raquela Rios, una trans filippina diventa una star del web e sogna di fuggire a Parigi quando conosce online un collega gender che può aiutarla a ottenere il passaporto. Il film è stato scelto “per la sua abilità di trattare i temi della razza, del genere sessuale e dell’indigenza in un modo coinvolgente senza rinunciare a un suo stile”.

Il premio della giuria va a ‘Be Like Others’ di Tanaz Eshagian, “un ritratto commovente e senza compromessi della scioccante realtà affrontata dai gay iraniani”.

Tra i documentari è stato scelto sia dalla giuria critica che dal pubblico ‘Football Under Cover’ di David Assman e Ayat Najafi per aver trattato con ironia sottile la questione del ruolo nello sport nella società islamica. La giuria aveva scremato tre titoli per l’assegnazione del premio tra cui l’italiano ‘Improvvisamente l’inverno scorso’ di Gustav Hofer e Luca Ragazzi che è stato poi segnalato con una menzione del Manfred Salzgeber Award dedicato alle opere più innovative. Miglior corto il brasiliano ‘Tà’ di Felipe Scholl, “uno sguardo acuto e divertente su un breve incontro tra due ragazzi”. Ogni film premiato si aggiudica un assegno di 3000 euro. (R.S.)

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...