Bohemian Rhapsody è diventato il film a ‘tematica gay’ dai maggiori incassi di sempre

di

Bohemian Rhapsody vola al box office. Mai, in attesa dell'uscita italiana, un film con un protagonista LGBT aveva incassato tanto.

bohemian rhapsody rami malek freddie mercury
CONDIVIDI
251 Condivisioni Facebook 251 Twitter Google WhatsApp
1196 0

Nei cinema italiani dal 29 novembre, Bohemian Rhapsody di Bryan Singer è appena entrato nella ‘storia del cinema’, in quanto principale incasso worlwide per un film a ‘tematica LGBT’.

La pellicola Fox, costata solo 52 milioni, ne ha fino ad oggi incassati ben 128,228,824 negli Usa, da sommare poi ai 257,744,670 dollari raccolti fuori dai confini americani. Il totale, straordinario, ha toccato quota 385,973,494 dollari. Cadrà il muro dei 400 milioni, questo è poco ma sicuro, ma nell’attesa Bohemian Rhapsody ha già battuto tutti. Superati i 124,060,553 dollari incassati negli States nel lontano 1996 dal cult Piume di Struzzo, remake a stelle e strisce de Il Vizietto, così come lontanissimo è il capolavoro Brokeback Mountain, nel 2005 arrivato ai 178,062,759 dollari incassati in tutto il mondo. Battuti anche The Imitation Game (233,555,708 dollari), Philadelphia (206,678,440 dollari), Milk (54,586,584 dollari) e In & Out (63,856,929 dollari solo negli Usa). Moonlight, primo film LGBT a trionfare agli Oscar, si fermò a quota 65,046,687 dollari worldwide, mentre Dallas Buyers Club arrivò ai 55 milioni.

Va detto, ovviamente, che in Bohemian Rhapsody l’omosessualità di Freddie Mercury non è al ‘centro’ della storia, ma ne fa pienamente parte (tant’è che in Malesia gli omofobi censori hanno tagliato 24 minuti dal montaggio ufficiale), in quanto il film racconta gli anni precedenti alla leggendaria apparizione dei Queen al concerto Live Aid nel luglio del 1985. La performance che consacrò la band alla storia. Al fianco di un Rami Malek che punta agli Oscar, nei dentoni e nelle movenze di Freddie, troviamo Lucy Boynton, Gwilym Lee, Ben Hardy, Joe Mazzello, Aidan Gillen, Tom Hollander, Allen Leech, Aaron McCusker e Mike Myers.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...