CALDE NOTTI DI CINEMA GAY

di

Al Gay Village di Roma, sbarca la prima rassegna all'aperto di film a temtica omosessuale, con alcuni titoli mai visti prima in Italia. Si parte sabato 9 agosto...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1138 0

ROMA – Sbarca al Gay Village di Roma, dal 9 al 17 agosto, Drive Out, il primo festival di cinema all’aperto a tematica gay. L’evento sarà l’ccoasione per vedere nove lungometraggi, di cui sette provenienti dai Festival gay di tutto il mondo e mai usciti nelle sale italiane, due in anteprima assoluta.
Il motivo della nascita di questo evento, realizzato in collaborazione con l’ufficio Spettacolo dell’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma, è stato quello di colmare una lacuna nella vita culturale della capitale creando un festival di cinema gay. Drive Out è anche un evento nell’evento, che mette insieme la particolarità del Gay Village, già di per sé unico nel suo genere nel mondo, ad un programma di film a tematica che completa il quadro di questa “zona franca” di cultura gay.
Ideato e organizzato dalla Onlus Dì Gay Project insieme al critico cinematografico Fabio Bo, al producer Mario Mazzarotto, con la consulenza di Angelo Acerbi e Luca Andreotti e il sostegno di Studio Universal, Drive Out ospiterà film provenienti da USA, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Asia, che rappresentano con forza l’immagine gay e lesbica, evitando inutili stereotipi e cercando di raccontare storie importanti e molto particolari.
E’ il caso di I LOVE YOU BABY (campione d’incasso in Spagna) in cui un giovane gay, colpito alla testa da una mirror-ball, diventa eterosessuale. O di 101 REYKJAVIK con Victoria Abril nella parte di una lesbica molto particolare. O ancora di A MI MADRE LE GUSTAN LAS MUJERES in cui le attrici almodovariane Rosa María Sardà e Leonor Watling, si ritrovano nel bel mezzo di una commedia degli equivoci sensazionale.
Vicino alle commedie, ci saranno dei melodrammi che hanno avuto grandi riconoscimenti nei festival di tutto il mondo, come le anteprime di THE EVENT con Olympia Dukakis e Parker Posey (dal regista di BEEFCAKE) e di MADAME SATA. E ancora la riscoperta di un film torrido e fiammeggiante come PLATA QUEMADA (che ha già conquistato il pubblico veneziano nel 2000).
Accanto a questi titoli, verrà riproposto il bellissimo LA STRADA DI FELIX, uno dei più promettenti debutti alla regia degli ultimi anni; uno spaccato sulla vita di un giovane molto confuso nella profonda periferia statunitense (L.I.E.) e l’intenso documentario PARAGRAPH 175 (dei registi premi Oscar Jeffrey Friedman e Rob Epstein) in cui rivivremo le difficili esperienze di alcuni deportati nei campi di concentramento nazisti.

^SDrive Out^s: il cinema esce allo scoperto.
Calendario e schede
SABATO 9 AGOSTO – I LOVE YOU BABY di Alfonso Albacete e David Menkes (SPAGNA, 2001, 35mm, 110′)
Con: Jorge Sanz, Santiago Magill, Alicia Agut, Verónica Forqué, Boy George
Sinossi: Marcos si trasferisce a Madrid, fa colpo sulla dominicana Marisol ma si innamora, ricambiato, di Daniel. La loro storia sembra filare a meraviglia finché sulle note di “I love you baby”, dopo un grottesco incidente in un club, Marcos scopre di essere diventato etero. Lascia Daniel e s’innamora di Marisol, ma Daniel decide di fare di tutto per riconquistarlo, compreso travestirsi da donna. Il finale a sorpresa è quasi geniale.
Una commedia sulla confusione sessuale vissuta senza melodrammi che ha avuto un grande successo in patria
v.o.sott.it.
DOMENICA 10 AGOSTO – THE EVENT di Thom Fitzgerald (CANADA, 2002, 35mm, 105′)
Con: Don McKellar, Olympia Dukakis, Sarah Polley, Parker Posey
Sinossi: Un dramma che oppone due realtà opposte: Matt è un malato terminale che vuole morire a tutti i costi ma scegliere di togliersi la vita è tutt’oggi illegale. Un toccante e profondo esempio di cinema indipendente che racconta la storia di un uomo e dei suoi più cari amici che lo devono amare abbastanza da aiutarlo a morire.
Dopo i trionfali successi al Sundance Film Festival e alla Berlinale del 2003, il nuovo film del regista di Beefcake e The Hanging Garden., con Parker Posey e Olimpia Dukakis (Tales of the City)
v.o. sott.it.
Anteprima italiana.
LUNEDÌ 11 AGOSTO – LA STRADA DI FELIX (DRÔLE DE FÉLIX) di Olivier Ducastel e Jaques Martineau (FRANCIA, 2001, 35mm, 95′)
Con: Sami Bouajila, Patachou, Ariane Ascaride, Pierre Loup Rajot
Sinossi: Felix, un giovane arabo trapiantato in Francia, omosessuale e sieropositivo, decide di partire da un piccolo paese in Normandia per andare a Marsiglia, alla ricerca di un padre che non ha mai conosciuto.
Un particolarissimo road movie in cui il protagonista riuscirà a crearsi una sorta di famiglia ideale dando un senso profondo al suo viaggio. Presentato al Festival di Berlino del 2001.
Versione italiana
MARTEDÌ 12 AGOSTO – L.I.E. di Michael Cuesta (USA, 2001, 35mm, 97′)
Con: Paul Dano, Bruce Altman, Billy Kay, Brian Cox
Sinossi: Il quindicenne Howie si sporge dal ponte sopra la Long Island Expressway, la superstrada dove è morta sua madre. Trascurato dal padre, Howie è annoiato e in cerca di affetto. Trascinato da un altro ragazzo carico di carisma, Howie comincia a vivere di espedienti e piccoli crimini incontrando così Big John, il buono del quartiere con un’inquietante propensione alla pedolfilia. Una riflessione sulla solitudine e la sessualità maschile, meritatamente nominato agli Indie Spirit Awards, gli Oscar del cinema indipendente americano.
v.o.sott.it.
MERCOLEDÌ 13 AGOSTO – PLATA QUEMADA di Marcelo Piñeyro (ARGENTINA, 2000, 35mm, 125′)
Con: Eduardo Noriega, Leonardo Sbaraglia, Pablo Echarri, Ricardo Bartis
Sinossi: La fiammeggiante e maledetta storia d’amore tra Angel e Nene. Un amore due volte clandestino in quanto passione tra fuorilegge per di più omosessuali. Ambientato in Argentina nel 1965, il film è tratto da un fatto di cronaca realmente accaduto in cui i due eroi sono uniti da un amore che hanno il terrore di nominare e dalla mancanza di ogni tipo di speranza.
Presentato alla mostra del cinema di Venezia del 2000, il film ha scoperto Eduardo Noriega, giovane sex symbol spagnolo, protagonista del prossimo film di Pedro Almodovar.
v.o.sott.it.
GIOVEDÌ 14 AGOSTO – MADAME SATA di Karim Aïnouz (FRANCIA/BRASILE, 2002, 35mm, 97′)
Con: Lazaro Ramos, Marcelia Cartaxo, Flavio Bauraqui, Felippe Marques
Sinossi: Liberamente ispirato al personaggio di João Francisco dos Santos (1900-1976) e tutto ambientato nei mitici anni ’30 brasiliani, è la storia di uno dei più famosi travestiti di Lapa, cuore della Rio de Janeiro bohémien, meglio conosciuta come la Montmartre dei Tropici.
Un film caldo e sensuale ma anche un toccante e coloratissimo melodramma presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes 2002.
v.o.sott.it.
Anteprima italiana.
VENERDÌ 15 AGOSTO – A MI MADRE LE GUSTAN LAS MUJERES di Inés París e Daniela Fejerman (SPAGNA, 2002, 35mm, 96′)
Con: Leonor Watling, Silvia Abascal, María Pujalte, Rosa María Sardà
Sinossi: Elvira, una vent’enne bella ma insicura scopre che sua madre, una celebre pianista separata dal marito, ha una nuova ed elettrizzante relazione con una persona più giovane di lei, che suona il piano e che è una donna. Elvira sprofonda in una forte crisi d’identità sessuale che le farà rompere tutti gli schemi.
Una divertentissima commedia che ha come protagoniste due tra le attrici almodovariane più amate: Leonor Watling (Parla con lei) e Rosa María Sardà (Tutto su mia madre).
v.o.sott.it.
SABATO 16 AGOSTO – PARAGRAPH 175 di Rob Epstein e Jeffrey Friedman (USA, 1999, 35mm, 76′)
Sinossi: Negli anni ’20, Berlino era conosciuta come il paradiso per tutti gli omosessuali del mondo. Tutto cambiò con l’avvento del nazismo. Tra il 1933 e il 1945, più di 100000 tra uomini e donne vennero arrestati seguendo il paragrafo 175, che condannava l’omosessualità come reato. Ne sopravvissero solo 4000. In questo importante e toccante documentario, cinque di questi sopravvissuti raccontano le loro storie per la prima volta.
Il film è stato presentato nel 2000 al Sundance Film Festival e alla Berlinale, dove ha vinto il Teddy Bear come miglior documentario. La voce narrante è di Rupert Everett.
v.o.sott.it.
DOMENICA 17 AGOSTO – 101 REYKJAVIK di Baltasar Kormákur (ISLANDA, 2001, 35mm, 88′)
Con: Victoria Abril, Hilmir Snær Guønason, Hanna María Karlsdóttir
Sinossi: Una black comedy ambientata nella movimentata vita notturna di Reykjavik, in cui gli impulsi sessuali di un giovane uomo vanno in tilt quando scopre che la donna con cui è appena stato a letto, non è altro che l’amante lesbica di sua madre. Un film al tempo stesso dolce e trasgressivo, inno a tutte le “famiglie di fatto”.
Enorme successo commerciale in patria, ha fatto vincere alcuni premi per la migliore interpretazione alla almodovariana Victoria Abril.
v.o.sott.it.
Gay Village: da domenica a giovedì ingresso giornaliero di 5 euro, il venerdì e sabato 10 euro. La tessera da 20 euro vale per 7 ingressi consecutivi. Biglietti in prevendita su www.tkts.it
INFO: 340 . 0605403 – www.gayvillage.it – www.digayproject.org

Leggi   Michela Andreozzi: "Non ho figli, non ne voglio e non mi sento in colpa!"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...