Chiamami col tuo nome 2, Luca Guadagnino ci starebbe ‘seriamente’ pensando

di

Michael Stuhlbarg, meraviglioso negli abiti del padre di Elio Perlman, è tornato a parlare dell'ipotesi Chiamami col tuo nome 2.

CONDIVIDI
292 Condivisioni Facebook 292 Twitter Google WhatsApp
9983 0

Attesissimo a Venezia con il remake di Suspiria, Luca Guadagnino starebbe seriamente pensando ad un sequel di Chiamami col tuo nome, capolavoro premiato con l’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale.

Dopo i tanti rumor dei mesi passati, e i dubbi firmati James Ivory che si è detto perplesso dinanzi alla possibilità di un’intera trilogia dedicata ad Elio e Oliver, a ridare fiato all’ipotesi sequel è stato Michael Stuhlbarg, meraviglioso negli abiti del padre di Elio Perlman. Il suo discorso finale è stato probabilmente uno dei momenti più commoventi dell’intera stagione cinematografica passata. Intervistato da Far Out Magazine, Stuhlbarg ha dichiarato:

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Lui [Guadagnino] sembrerebbe pensare che potremmo essere in grado di riprendere l’azione qualche anno dopo i fatti raccontati nel primo film, per vedere cosa è successo a questi personaggi, le scelte che hanno fatto, e la vita che hanno vissuto dopo quella particolare estate, epocale per tutti loro. Luca è seriamente interessato, e André Aciman è elettrizzato all’idea. Io sarei entusiasta di far parte di qualsiasi tipo di sequel, è stata un’esperienza davvero speciale per tutti noi“.

Guadagnino, parola di Stuhlbarg, ci starebbe ‘seriamente pensando’, soppesando tutti i pro e i contro di una simile operazione. Va detto che la parte finale del romanzo originale di André Aciman è rimasta fuori dall’adattamento di Chiamami col tuo nome, con il sequel che potrebbe riprenderne le redini. Nominato a 4 premi Oscar, il film ha incassato oltre 41 milioni di dollari in tutto il mondo, dopo esserne costati appena 3, diventando iconico per la comunità LGBT internazionale. Timothée Chalamet e Armie Hammer, ovviamente, sono pronti a riprendere i rispettivi ruoli, che Guadagnino vorrebbe catapultare nella Berlino del 1989.

Leggi   13esima Festa del Cinema di Roma: non mancano i titoli queer
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...