Cinema boicotta La Bella e la Bestia perché “gay”, per sbaglio lo sostituisce con un film sulle drag queen

di

Epic Fail.

CONDIVIDI
169 Condivisioni Facebook 169 Twitter Google WhatsApp
11812 0

Le dichiarazioni del regista de La Bella e La Bestia sulla presenza nel film Disney di un personaggio gay continuano a creare polemiche. Ad esempio, in Alabama alcuni cinema hanno rifiutato di proiettarlo: in particolare, uno di questi cinema qualche giorno fa ha annunciato che avrebbe bandito La Bella e La Bestia perché gay friendly, ma l’ha rimpiazzato (per errore) con un documentario sulle drag queen.

“Noi non scendiamo a compromessi su ciò che insegna la Bibbia – ha scritto su Facebook la proprietaria del cinema – venite da noi a vedere film sani, senza preoccuparvi di scandali, nudità, omosessualità e linguaggio volgare“.

Il cinema in questione ha messo in programmazione a posto del film Disney Fierce, credendo fosse una pellicola fantasy, quando invece si tratta di un documentario sulle drag queen (che tra l’altro mostra anche i festeggiamenti per la legge del 2015 sui matrimoni gay negli Stati Uniti).

La proprietaria del cinema, Carol Laney, ha spiegato che è tutta colpa della locandina di Fierce, che ricorda troppo Game of Thrones aggiungendo che ovviamente anche questo documentario adesso sarà eliminato dalla programmazione.

“Pensavo fosse un film in stile Game of Thrones, un film di draghi. La locandina mi ha confusa c’era una donna circondata da draghi. Ovviamente il film è stato ritirato, non è nella mia comfort zone“.

Leggi   Picchiato perché gay e sanguinante risponde agli omofobi con un sorriso: la foto virale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...