CinemaSTop, dal peplum nippo-latino al doc su Piera Degli Esposti

Ecco le proposte del weekend per cercare un po’ di refrigerio nelle sale cinematografiche.

“Thermae Romae”, che bizzarria il peplum nippo-latino con l’aitante Abe Hiroshi!

È il film più eccentrico della stagione, lo dirige Takeuchi Hideki ed è tratto da un manga best seller da oltre cinque milioni di copie della fumettista Yamazaki Mari. Siamo nell’Antica Roma dove l’architetto Lucius Modestus (l’aitante modello e attore giapponese Abe Hiroshi) si ritrova risucchiato in un vortice d’acqua spazio-temporale che lo trasporta nel Giappone contemporaneo dove carpirà i segreti per la progettazione di terme innovative.

Girato a Cinecittà e nei dintorni della Capitale, si preannuncia come un bizzarro peplum nippo-latino con gag a raffica e un tonico protagonista quasi sempre (semi)nudo. “Ho adorato l’idea del manga – spiega Abe Hiroshi – di mettere a confronto la cultura dei bagni in Giappone con quella delle thermae dell’Antica Roma, e ho adorato anche l’idea d’incrociare il tempo e lo spazio, facendo interagire i personaggi ‘au naturel’ in ammollo dentro qualche vasca. Una cosa tenera e comica insieme, amplificata dalla monolitica severità che contraddistingue Lucius”.

“Tutte le storie di Piera”, l’anima di un talento nell’intenso doc di Marcias

“Chista è un verbo nuovo” diceva di lei Edoardo De Filippo. Versatile, unica, dotata di viscerale talento, l’attrice bolognese Piera Degli Esposti è la protagonista dell’intenso documentario di Peter Marcias “Tutte le storie di Piera”. Non una didascalica agiografia dell’artista ma un ritratto a tutto tondo in sensibile equilibrio fra lo scavo interiore delle vicende private e la dimensione artistica, con preziose testimonianze di grandi registi che l’hanno diretta quali Moretti e Bellocchio.

Ti suggeriamo anche  Lola Pater, Fanny Ardant è la trans della porta accanto

Esce oggi al Nuovo Cinema Aquila di Roma e prossimamente in varie città italiane, anche con la formula teatro/cinema in cui Piera stessa reciterà brani estratti dal film accompagnata da Stefano Guzzetti che ha curato la colonna sonora del documentario.

“La gelosia” s’insinua tra le maglie del sentimento nell’ultimo Garrel

Gli amanti del cinema d’autore (in particolarmente chi adora le storie intimiste francesi) non si perdano l’ultimo film di Philippe Garrel “La gelosia”, presentato in concorso all’ultimo festival di Venezia e in uscita solo adesso nelle sale grazie a Movies Inspired. Un attore trentenne con seri problemi economici vive in un appartamento spartano insieme a una collega che ama e alla bimba avuta da una precedente relazione. Ma lei ha anche amanti occasionali che accendono la gelosia di lui. Girato in un panoramico 35mm anamorfico con una rarefatta fotografia in bianco e nero, è l’ennesimo frammento del discorso amoroso di un cantore delle disillusioni post-sessantottine che attinge alla propria autobiografia per cercare l’afflato poetico nell’infinita dialettica fra amore e sentimento di possesso. Fascinosi ed enigmatici gli attori protagonisti, Louis Garrel (figlio del regista) e Anna Mouglalis. Per cinefili.

“Quel che sapeva Maisie”, la bimba contesa da genitori separati

Insolito adattamento dell’omonimo romanzo ottocentesco di Henry James, “Quel che sapeva Maisie” di Scott McGhee e David Siegel, autori del gay ‘I segreti del lago’, vede una coppia di genitori separati, la rockstar in crisi di mezz’età Susanne e il mercante d’arte Beale, contendersi la bimba di sei anni Maisie che sembra trovarsi bene solo con i rispettivi nuovi compagni di mamma e papà. Dramma famigliare sullo stampo di “Kramer contro Kramer”, accentua il punto di vista della bambina che osserva con critico mutismo l’inadeguatezza di due genitori capricciosi e vili.

Ti suggeriamo anche  Hollywood, LGBT ma non troppo: nei film tanti maschi gay bianchi

Cast di alto livello: la nostra beneamata Julianne Moore, fresca di premio a Cannes per “Maps to the Stars”, il bravo John Coogan – il giornalista di “Philomena” – nonché il bellissimo Alexander Skarsgård, influente vampiro in “True Blood” e maritino tradito nel giorno delle nozze in “Melancholia”.