CinemaSTop, piccole bulle crescono nel Diamante nero di Céline Sciamma

Non solo: Witherspoon e Vergara finte lesbiche nel road burlesque Fuga in tacchi a spillo

Diamante nero, piccole bulle di colore crescono

Dalla 34enne Céline Sciamma, regista rivelazione di quel gioiello gender che è il sensibilissimo Tomboy, ecco Diamante nero (Bande de filles), un altro racconto di formazione dedicato questa volta a una sedicenne di colore, Marieme (Karidja Touré). Vessata dal fratello maggiore, con due sorelle più piccole di cui occuparsi, in difficoltà a scuola, Marieme si unisce a un trio di bullette nere, s’inventa la nuova identità di Vic – “come Victoria” – e viene iniziata allo spaccio, alla violenza, al sesso facile. Rihanna ha concesso gratuitamente l’uso della sua ‘Diamonds’ dopo aver visto e apprezzato una scena chiave del film.

L’acuto sguardo sociologico della Sciamma passa ancora attraverso il gender – i codici della gang al femminile sono mutuati dal comportamento dei coetanei maschi – e rivela un’attrice non professionista reclutata durante un cast di oltre quattro mesi: “È stato chiaro fin dall’inizio che Karidja Touré sarebbe stata perfetta per il ruolo di Marieme – spiega la regista -. La difficoltà del ruolo e della ricerca di un’esordiente capace di interpretarlo sta nel paradosso del personaggio, che deve apparire unico e indimenticabile mantenendo una specie di neutralità espressiva di base. Qualcuno che sia immediatamente identificabile ma che possa cambiare aspetto più volte in modo convincente. All’inizio Marieme è una bambina, poi si afferma come giovane donna e progressivamente costruisce una sorta di virilità. Si tratterebbe di una sfida per ogni attrice, figurarsi per una debuttante come Karidja. Ma lei si è rivelata una gran lavoratrice, capace di una grande concentrazione e di una straordinaria propensione all’ascolto”.

Quel patto fatale tra CIA e narcotrafficanti nel thriller politico La regola del gioco

Ti suggeriamo anche  Taron Egerton: "Baciare un uomo in un film non è meno attraente dal baciare una donna"

Michael Cuesta, autore statunitense del piccolo cult gay L.I.E. – ve lo ricordate? Paul Dano era un orfano quindicenne che si legava a un ex marine gay -, firma un thriller politico tratto dalla storia vera di un giornalista, Gary Webb (Jeremy Renner), che nel 1996 denunciò un patto segreto stipulato fra i narcotrafficanti del Nicaragua e la CIA disposta a sostenere lo smercio di droga negli States per dirottarne i ricavi ai gruppi armati anti-sandinisti, i cosiddetti Contras. Tutto inizia quando l’affascinante Coral Baca (Paz Vega), donna di un grosso trafficante di coca, consegna a Webb una trascrizione del Gran Giurì che rivela un collegamento tra i servizi segreti statunitensi e il traffico di cocaina dal Centro America. Webb si mette a pedinare tale Alan Fenster (Tim Blake Nelson), avvocato del re del crack di Los Angeles, ‘Freeway’ Ricky Ross (Michael Kenneth Williams). Scopre così che i ribelli nicaraguensi lavorano direttamente con la CIA anche grazie alle informazioni fornitegli dal narcotrafficante Norwin Menes (Andy Garcia) detenuto in un penitenziario. La serie di articoli a proposito, intitolata ‘Un’oscura alleanza’, suscitano grande interesse ma alcuni giornalisti invidiosi cercano di screditare Webb con una campagna diffamatoria sempre più aggressiva.

Reese Witherspoon e Sofia Vergara si fingono lesbiche nel road burlesque Fuga in tacchi a spillo

Se in questi giorni di altoforno pre(f)estivo cercate una commedia scacciapensieri che si preannuncia facile facile, ecco il ‘poliziesco burlesque’ in forma di road movie Fuga in tacchi a spillo di Anne Fletcher con una strana coppia al femminile: la risoluta Reese Witherspoon interpreta l’agente di polizia ottusella Rose Cooper che si ritrova a fuggire attraverso il texas insieme alla vistosa moglie di un boss pentito del narcotraffico (Sofia Vergara) dopo una sanguinosa imboscata. Si spacceranno pure per due fidanzate davanti a un tipaccio che le minaccia con un fucile: “Hanno provato a sedurmi con quella roba da lesbiche… Ma sono cristiano, quindi non sono interessato a quelle cose”. Sui titoli di coda vengono proposti a catena i ciak sbagliati: c’è chi dice che siano la sequenza più spassosa del film…

Teneramente folle, quel papà orsone bipolare nell’esordio autobiografico della sceneggiatrice Maya Forbes

Ti suggeriamo anche  La Sirenetta, la storia di Ursula nata come omaggio alla drag queen Divine

Orso polare? No, bipolare. ‘Teneramente folle’ è un dramma famigliare ambientato negli anni ’70 d è l’esordio cinematografico della sceneggiatrice Maya Forbes che racconta la storia della vita di suo padre, affetto da un grave disturbo bipolare. Cameron Stuart (Mark Ruffalo) è l’affettuoso papà orsone di Amelia e Faith ma è un maniaco depressivo, non riesce a tenersi stretto un lavoro e alterna fasi euforiche a down verticali con esaurimenti nervosi e crisi depressive. Per questo motivo è separato dalla moglie Maggie (Zoe Saldana) che gli offre la possibilità di ricongiungersi alle figlie quando viene accettata alla Columbia University e deve per questo motivo trasferirsi a New York. Molto ben accolto dalla critica americana (per Variety è ‘irrestibile’, ‘un formidabile debutto’ per il New York Observer e ‘un piccolo miracolo’ per Rolling Stone), è stato assai apprezzato in vari festival internazionali, quali Toronto, Sundance e Torino.