#CinemaSTop Speciale Cannes: Juste la fin du monde, piccolo massacro fra parenti nel potente film di Xavier Dolan

Convince il dramma da camera claustrofobico tratto da una pièce teatrale di Jean-Luc Lagarce. Cast in stato di grazia

CANNESDelirio Dolan: ieri sera una coda interminabile si dipanava davanti alla Salle Bazin, al punto che è stato necessario aggiungere un’altra proiezione al Palais K. Noi siamo entrati dopo due ore d’estenuante attesa. Ma ne è valsa la pena.

Juste la fin du monde 5

È affascinante Juste la fin du monde, potente dramma da camera claustrofobico, nuovo lavoro del prodigio canadese Xavier Dolan (anche regista del famosissimo video “Hello” di Adele), ventisette anni e già sei film, nuovamente in concorso a Cannes dopo il Premio della Giuria due anni fa col pregevole Mommy.

Juste la fin du monde 3Qui adatta una pièce teatrale di Jean-Luc Lagarce scritta nel 1990 quando scoprì di avere contratto l’Aids (morirà cinque anni dopo). Louis è un drammaturgo gay che torna nella casa famigliare in campagna dopo dodici anni per annunciare la sua morte imminente. Ma i suoi parenti continuano a parlarsi addosso, sembrano incapaci di ascoltarlo, e una sorta di isteria collettiva è pronta a esplodere incontrollata. La regia sofisticata di Xavier Dolan evita la trappola del teatro filmato ed è fatta quasi tutta di primi piani serrati, spesso immersi nell’ombra, pronta a cogliere ogni sfumatura di un volto, una bocca, un labbro. Quasi a cercare l’espressività nel dettaglio muto in contrasto col fiume spesso insensato di parole, e a dare corpo al palpabile disagio del protagonista è un dolente Gaspard Ulliel, perfetto nella sua esitazione costante, nel dolore trattenuto.

Juste la fin due monde 4Cast in stato di grazia, tutto francese: Nathalie Baye è la madre appariscente, ipertruccata e costantemente sopra le righe; la sorella minore Suzanne (Léa Seydoux) cerca di ritrovare un fratello che non ha mai veramente conosciuto se non attraverso le cartoline inviate regolarmente per ogni festività tradizionale; la cognata Catherine (Marion Cotillard) cerca di placare gli animi con la sua mitezza un po’ rassegnata mentre l’isterico fratello Antoine (Vincent Cassel, il più bravo: il delirante e ossessivo monologo in auto è una perla di bravura) è aggressivo verbalmente e ne ha davvero per tutti. Se le parole urticanti perdono di significato, ecco recuperare il valore e l’importanza delle immagini, che riemergono dal passato come flash di serenità che possono essere la corsa in un prato o una coperta colorata.

Juste la fin du monde

Così a Louis non resta che chiudersi nella propria solitudine, consapevole che nessuno in famiglia riesce davvero a comunicare con gli altri, e l’unico rifugio è ricordare attimi fulgidi quali un fiammeggiante incontro amoroso col vicino Pierre (la scena gay più bella del festival, con un’esplosione di musica, colori e ralenti glam che fanno da sempre lo stile di Dolan). Ma il tempo incombe minaccioso, implacabile, con quel metaforico orologio a cucù che vorrebbe liberare l’uccellino alla ricerca di una via di fuga impossibile: l’unica salvezza è forse ‘sentire’ il tempo, attraverso l’armonia della musica in opposizione al rumore di fondo delle parole senza profondità? Ecco che proprio le scelte musicali – da sempre ricercate e mai banali nel cinema di Xavier Dolan – si fanno forza vitale (esplode anche la splendida Natural Blues di Moby). E il dolore acquista un senso.

Juste la fin du monde verrà distribuito in Italia da Lucky Red durante l’autunno.

Ti suggeriamo anche  Festival di Cannes, 19 titoli in corsa per la Queer Palm