David di Donatello, trionfa la commedia Perfetti Sconosciuti con Battiston gay

Vince anche come migliore sceneggiatura. Sette statuette a Lo chiamavano Jeeg Robot e Il racconto dei racconti

Ai 60esimi David di Donatello vince un po’ a sorpresa la commedia rivelazione Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese (“è una storia sulle bugie, dedico questo premio alla verità”), già campione d’incassi con 15 milioni di euro al botteghino. Si aggiudica anche la migliore sceneggiatura. Nel cast spicca Giuseppe Battiston calatosi nel ruolo di un omosessuale che fa coming out davanti agli amici durante una serata in cui, inizialmente per gioco, ciascuno mostra agli altri il contenuto delle chat sui propri smartphones.

David_di_Donatello

giuseppe_battiston_gay_perfetti_sconosciuti

Grande risultato per un’altra rivelazione della stagione, il fantastico ma non troppo Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti che si aggiudica sette statuette tra cui quella come miglior regista esordiente e tornerà in duecento sale grazie anche al successo ai David. Altrettanti premi sono andati al fantasy barocco Il racconto dei racconti di Matteo Garrone, tra cui l’ambita migliore regia.

Lo_chiamavano_Jeeg_Robot

il_racconto_dei_racconti_locandina

Delusione invece per Non essere cattivo il dramma postumo di Claudio Caligari che, nonostante le sedici nominations, vince solo per il fonico in presa diretta Angelo Buonanni. A vuoto anche le quattro segnalazioni al doc Fuocoammare di Francesco Rosi vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino.

alessandro_cattelan

La cerimonia finalmente godibile grazie anche alla brillante conduzione di Alessandro Cattelan, è passata dalla Rai a Sky e si è svolta per la prima volta negli storici Studios sulla Tiburtina utilizzati anche da Pier Paolo Pasolini per girare alcune scene di Accattone.

Ti suggeriamo anche  Bulli Elliot, il fake trailer del film con Alessandro Cattelan unico etero (discriminato) in un mondo di soli gay