De Niro al Sundance: “Mio papà pittore era gay”

Presentato al festival di Park City il doc “Remembering The Artist Robert De Niro Sr.” di Perry Peltz e Geeta Gandbhir in cui si rivela l’omosessualità del padre del celebre attore.

Si chiamano entrambi Robert ma il figlio non ha certo bisogno di presentazioni. Robert De Niro ieri al Sundance Film Festival ha presentato il doc Remembering The Artist Robert De Niro Sr. diretto da Perry Peltz e Geeta Gandbhir per il canale televisivo via cavo HBO (lo stesso che ha finanziato Behind The Candelabra). Pittore eclettico, prima espressionista e poi interessato all’astrattismo, oscurato dall’avvento della Pop Art che lo fece cadere in depressione, Robert De Niro Senior si separò dalla moglie Virginia Admiral, anche lei pittrice, poco dopo la nascita del figlio omonimo, nel 1943.

Nel documentario di quaranta minuti si parla esplicitamente della sua omosessualità e delle storie d’amore con Tennessee Williams e Jackson Pollock: “L’ho fatto per lui – ha dichiarato Robert figlio allo Yarrow Theatre dopo la proiezione (in sala era presente il celebre attore Bradley Cooper) -. Volevo che i miei figli più giovani, che sono nati dopo la sua morte (nel 1993 a 71 anni, ndr), sapessero chi fosse loro nonno. Ho persino lasciato intatto il suo studio di pittura intatto affinché lo potessero vedere. Ai miei occhi mio padre era un grande artista, mi piace tutto quello che ha dipinto. Non scendeva mai a compromessi, mandava al diavolo i galleristi se non gli piacevano. Non ho mai posato per lui: non avevo pazienza. Un po’ mi dispiace. Non ho voluto ignorare la sua lotta con la propria sessualità. Spero che ne sia venuto a patti prima di morire”.

“I movimenti artistici sono potenti – spiega una nota stampa promozionale -. Sono così potenti che possono oscurare grandi artisti che non collimano col loro genere. L’unica speranza dell’artista è essere ‘riscoperto’ dopo la morte. Questo è il caso di un pittore il cui lavoro è tornato sotto i riflettori grazie all’uomo che lo conosceva meglio, uno dei più famosi attori del mondo che è capitato essere il figlio dell’artista”.

Il progetto inizialmente era stato concepito per un uso privato ma la HBO, entusiasta dell’idea, lo trasmetterà in tv a giugno. È in corso a Park City una personale di De Niro senior presso la Julie Nestor Gallery e la consulente artistica Megan Fox Kelly ha annunciato che prossimamente ne verrà allestita un’altra a New York. De Niro junior dedicò il suo primo film da regista, ‘A Bronx Tale’, proprio al padre scomparso durante la realizzazione.