Ecco i 10 film queer più attesi del 2017: seconda parte

di

Un insolito rifacimento di Orgoglio e pregiudizio, un film strappalacrime sul rapporto madre-figlio e il debutto alla regia di Clea DuVall.

CONDIVIDI
39 Condivisioni Facebook 39 Twitter Google WhatsApp
63289 0

Jours de France di Jérôme Réybaud

Annunciato come ‘il primo road movie gay ai tempi di Grindr’, racconta dell’inquieto Pierre (Pascal Cervo, attore feticcio di Paul Vecchiali) che, senza apparente ragione, lascia l’appartamento del suo fidanzato parigino per intraprendere un lungo viaggio senza meta attraverso la Francia con la sua Alfa Rome Giulietta, guidato solo dall’applicazione Grindr che lo fa passare da un amante occasionale all’altro. Nel frattempo, il compagno disperato lo cercherà utilizzando la stessa applicazione. Durante il tragitto Pierre farà bizzarri incontri: una ladruncola, una sua ex insegnante, un oste con idee balzane sulla sessualità.

In Italia è apparso al Medfilm Festival di Roma, accolto con favore dalla critica. Lo vedremo probabilmente in circuitazione nei festival queer primaverili.

The Intervention di Clea Duvall

 

Sulla carta il 2017 non sembra molto prodigo per quanta riguarda i film saffici: tra i titoli più interessanti, questo esordio alla regia dell’attrice lesbica Clea DuVall (Ragazze interrotte). Si preannuncia una sorta di Grande Freddo in chiave omosex al femminile: quattro coppie di cui una lesbica si ritrovano in una casa di campagna. Una di loro scoprirà che è solo un pretesto per convincerli che il loro matrimonio non funziona e che la cosa più auspicabile sia il divorzio. Presentato al Sundance Film Festival nel 2016, ha ricevuto recensioni decisamente positive.

Akron di Brian O’Donnell

Akron è una cittadina dell’Ohio dove è nato il regista ed è lo sfondo di questa commedia romantica sull’amore tra due matricole messo a dura prova durante un viaggio in Florida in occasione dello spring break, quando emerge un inquietante segreto di famiglia. L’idea di questo film è nata quando il regista ha assistito all’opera lirica Il Trovatore: “Due famiglie per destino una contro l’altra – ha dichiarato il regista –. Una forte storia d’amore, un’intensa relazione madre-figlio ma con al centro una storia d’amore gay”.

Before The Fall di Byrum Geisler

Uno dei titoli più curiosi: un rifacimento in chiave gay di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen ambientato nella moderna e rurale Virginia. Ben Bennet (Ethan Sharrett) è un procuratore omosessuale di successo ma arrogante che si innamora di Lee Darcy (Chase Conner), un lavorante di una fattoria ingiustamente accusato di abuso domestico. Riuscirà Geisler a ricreare le seducenti atmosfere di un classico letteratura inglese che ha fatto sognare intere generazioni di lettori e lettrici?

Other People di Chris Kelly

Si preannuncia il film queer più strappalacrime dell’anno: lo sceneggiatore ventinovenne David (Jesse Plemons) torna nella casa di famiglia a Sacramento per prendersi cura della madre Joanne (Molly Shannon) malata terminale artigliata da un cancro e logorata dalla chemioterapia. Si troverà a confrontarsi nuovamente con la sua famiglia profondamente conservatrice e in particolare il padre che non aveva accettato il suo coming out di dieci anni prima. Other People è stato acquistato da Netflix dove potremo vederlo nel caso non approdasse nei festival queer.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...