Flop troppo costosi: Rich Ross lascia i Walt Disney Studios

di

Considerato uno dei 50 gay più potenti degli States, Ross era stato nominato presidente dei Walt Disney Studios più di due anni fa. Ma alcuni flop lo hanno...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1115 0

E’ passato alla storia come il primo il primo presidente dichiaratamente gay di uno degli studios più potenti di Hollywood, i Walt Disney Studios, ma dopo appena due anni e mezzo dalla sua nomina, Rich Ross lascia il suo incarico, complici, con ogni probabilità, due grossi flop. Ross, 50 anni, ha annunciato la sua decisione in una lunga nota in cui spiega di non essere più convinto "che il ruolo di presidente sia la posizione professionale giusta per me".

Reduce dei successi ottenuti quando era capo di Disney Channel Worldwide con serie come "Hannah Montana" e "High School Musical", al vertice di Walt Disney Studios aveva il compito di tagliare i costi e sviluppare nuove hit di successo. Ma i flop rappresentati da "Milo su Marte", uscito lo scorso anno, che è costato agli studios Disney una perdita di 70 milioni di dollari e da "John Carter", che ha fatto registrare una perdita di circa 200 milioni di dollari, sono stati determinanti perché Ross rinunciasse alla presidenza.

"Credo molto in questo straordinario team che sono i Walt Disney Studios – ha scritto nella lettera di dimissioni -, e credo nei nostri film e nella nostra abilità di farli e venderli meglio di chiunque altro. Ma non credo più che quello di Presidente sia il mio ruolo adatto. Per questa ragione ho preso la difficilissima decisione di lasciare l’incarico di Presidente dei Walt Disney Studios a partire da oggi".

 

"E’ stato un onore lavorare con team così incredibili, alla Disney Channels Worldwide e alla The Walt Disney Studios, e anche ai vari business della Disney con cui ho avuto l’opportunità di collaborare – conclude quello che viene considerato uno dei 50 gay più influenti degli States -. So di lasciare lo studio in buone mani e, anche se su strade diverse, sono convinto che continueremo tutti ad avere grande successo a lungo".

Leggi   La Corte Suprema degli Stati Uniti dà ragione al pasticcere che non ha servito due sposi gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...