FUORIFUOCO TRIONFA AL TORINO FILM FESTIVAL

Il documentario queer ‘Fuorifuoco’ di Ernaldo Data e Daniele Salaris trionfa al 24° Torino Film Festival vincendo Spazio Torino e il premio ‘Avanti!’

L’importante documentario queer ‘Fuorifuoco’ di Ernaldo Data e Daniele Salaris sulla situazione GLBT mediorientale si è aggiudicato il primo premio nella sezione ‘Spazio Torino’ del 24° Torino Film Festival, consistente in 2600 euro in servizi di laboratorio offerti da Blue Gold e 1300 euro in servizi tecnici presso Unistudio. La giuria composta da Piero Basso, Alessandro Giorgio e Irene Mariatti l’ha scelto “per la consapevolezza nell’utilizzo di montaggio e presa diretta, con cui i due autori documentano con efficacia e semplicità tre storie dei giorni nostri”. ‘Fuorifuoco’ si è anche aggiudicato il premio ‘Avanti!’ che favorisce la circuitazione dell’opera nella rete dei cineforum e dei cineclub.

«Ero emozionantissimo, non me l’aspettavo» ci spiega uno dei registi, Daniele Salaris. «Ero convinto che vincesse ‘Gli Ospiti’ (di Fabrizio Bonci e Caterina Scala, ndr) che è fantastico. E dire che ‘Fuorifuoco’ è nato per una follia fatta ad agosto: fino all’ultimo non sapevo se partire per andare a Gerusalemme. Questo premio è ideale per il film, è un lancio a livello professionale e creativo: mi dà la possibilità di provare strumenti che sarebbero troppo costosi. La presentazione a Milano è andata bene, è stata chiara e c’era abbastanza gente. Ne sto organizzando una a Londra in un centro musulmano che si chiama ‘Imaam’, avevamo incontrati i responsabili a giugno durante il Gay Pride dove il loro carro era stato applaudito da tutti. Comunque non è stato facile, è un centro blindato che ha pochi rapporti con la stampa. Il primo weekend di dicembre dovremmo presentarlo a Parigi grazie all’assessore alla cultura della capitale francese. La prossima data è il 10 dicembre a Venezia dove lo mostreremo in un dibattito sui diritti umani organizzato dal comune di Venezia».

Ti suggeriamo anche  Alex Strangelove, arriva in estate la nuova teen comedy gay di Netflix

Roberto Schinardi