GF2: GIORNO 68

Lalla "assalita" da Romeo, cambio di tendenza?

Caro Diario, in questi giorni è scoppiata la “violenza” di Romeo. Dopo aver tracannato (dal toscano: aver bevuto senza limiti) vino tutta la sera il piccolo ligure (un po’ come Calimero) ha accusato malamente il povero Francesco perché “colpevole” di averlo votato e mandato alle nomination, il poverino vorrebbe arrivare fino alla fine del gioco (e chi non lo vorrebbe lì dentro?). Medioman non ha accettato bene queste accuse e si è difeso in modo calmo ma pungente, descrivendo Romeo come un “poveretto”.

E non finisce qui! Dopo tutto questo accaduto, il piccolo bevitore si è avventato su Lalla (mentre era sul suo letto in camera), ma la ragazza ha saputo difendersi con grande stile e forza. Mascia, che ha assistito a questo evento,

è rimasta allibita dal comportamento di Romeo… e se la panterona rimane sconvolta da certe cose, c’è da preoccuparsi!

Tutta forza scaturita all’interno della casa ha creato malumore un po’ a tutti, tant’è che Alessandro si è confidato con Tati e si sono riappacificati dopo delle discussioni avute in passato. Anche Francesco a seppellito lascia di guerra con Romeo; diciamo che c’è stato un riappacificamento generale per poter vivere tutti assieme in tranquillità. Ed io dico, proprio ora che ci divertivamo fate pace? E no! Non si fa così, dai, fateci divertire ancora!

Ti suggeriamo anche  Grande Fratello Vip 3, Enrico Silvestrin accusato di omofobia - l'attacco di Cristiano Malgioglio

Caro Diario, non posso non parlarti della prova della settimana, dovranno fare sculture di loro stessi che rappresentando i sette vizi capitali (Lalla sarà l’invidia, Flavio la superbia, Tati l’accidia, Mascia la lussuria, Alessandro l’avarizia, Romeo l’ira, e Francesco la gola). Che dire, vizi azzeccati per ognuno dei componenti! Evviva i peccati!

di Flavio Tani

Storie

I conservatori all’attacco: inizia la lotta contro la legge sull’omofobia

La legge sull'omofobia ha iniziato il suo iter in commissione Giustizia. Un iter lungo, come per ogni legge. Ma già si annuncia battaglia.

di Alessandro Bovo