GF2: GIORNO 77

Pace fatta: Mascia "esplicita" con Ale

"Sono stata malissimo, lo devo ammettere, io non posso litigare con te, sono anche dimagrita…non ho mangiato…vedi che ti è tornato il sorriso, ma come fai ad essere arrabbiato con me?".

"Ma io non ero arrabbiato con te".

"Che bugiardo, sei falso come una moneta"

Si baciano teneramente e lungamente.

"Sai da quanto non sto abbracciata così ad un uomo? Da quattro mesi".

Caro Diario,

questo dialogo che chiunque crederebbe svolgersi tra due giovani spasimanti al loro primo incontro o giù di lì, è avvenuto, in realtà, ieri tra un gelido Alessandro e una rinata Mascia, che proprio non resisteva più all’idea di essere in lite con il suo manzo (ops…) partenopeo.

Grazie all’instancabile lavoro della tenera Lalla, l’unica a uscire rafforzata nell’immagine da questa vicenda, i due, che ieri erano stati tutto il giorno senza parlarsi, si sono riavvicinati. Più che altro è stata Mascia che è andata dal suo moro e dopo un rapido chiarimento gli si è avvinghiata addosso riempiendolo di coccole, anche piuttosto pesanti. Le cronache riportano che Alessandro era piuttosto freddo, davanti alle pressanti avances della panterona, e che quando lei esplicitamente finalmente gli ha chiesto di fare l’amore, lui ha opposto un netto rifiuto.

Si sono inseguiti, Mascia è andata anche a infilarsi nel suo letto, ma la freddezza di Alessandro e la presenza di Flavio nel letto vicino hanno impedito che accadesse quello che il napoletano evidentemente non vuole fare accadere.

Ti suggeriamo anche  It Parte 2, ci sarà la coppia gay esclusa dalla miniserie tv

Si ristabiliscono così gli equilibri della casa: c’è più serenità, Huber continua a lamentarsi, per un po’ di cattiva salute e per uno stress psicologico che in un montanaro come lui sembra davvero difficile da mandare giù.

Intanto, reclusi gli inquilini nella camera dei ragazzi, i tecnici hanno montato il palco su cui domani i sei superstiti presenteranno i loro spot pubblicitari, con i quali cercheranno di guadagnarsi i soldi che sono loro necessari per portare avanti il ménage familiare.

In bocca al lupo, anzi – soprattutto per Ale – in bocca alla pantera.