Giudice si dimette per omofobia: aveva insultato Viggo Mortensen

Costretto alle dimissioni dopo aver detto ad un avvocato di andare a letto con Viggo Mortensen. Addio a un giudice omfobo di New York.

Mai come quest’anno Viggo Mortensen rischia di vincere il suo primo, più che meritato premio Oscar, grazie alla straordinaria prova di attore in Green Book.

Prima di allora, però, l’ex divo de Il Signore degli Anelli, 60enne poeta, fotografo e musicista canadese, è stato incredibilmente insultato da John W. Hallett, giudice nella contea di New York. Un episodio avvenuto nel gennaio del 2017, ma solo ora balzato agli onori delle cronache grazie ad una denuncia formale presentata dalla Commissione statale sulla condotta giudiziaria.

All’epoca Hallett replicò imprecando ad un avvocato che stava promuovendo un festival cinematografico in onore dell’attore: “Tu e Viggo Mortensen dovreste prendervi una camera d’albergo e succhiarvi l’uccello l’un l’altro“.

Secondo quanto riportato sulla denuncia, mesi dopo Hallet fece nei confronti dello stesso avvocato gesti con le mani che alludevano al sesso orale. Ebbene dopo l’esplosione dello scandalo Hallet, il cui mandato sarebbe scaduto alla fine del 2019, si dimetterà tra poche settimane, ovvero il 31 dicembre. Il giudice ha inoltre accettato che non ricoprirà mai altre cariche, inducendo la commissione a revocare le accuse formali. Robert H Tembeckjian, amministratore della commissione, ha dichiarato: “I commenti omofobi e i sentimenti anti-LGBTQ non hanno posto nel lessico dei tribunali o nel vocabolario di un giudice. Tali affermazioni minano la fiducia dell’opinione pubblica nell’integrità e nell’imparzialità del sistema giudiziario, che richiede che un giudice sia e appaia equanime e spregiudicato nei confronti di tutti coloro che lavorano e attendono giustizia nei tribunali“.

Nello splendido Green Book, tra le altre cose, Mortensen interpreta un autista italo-americano, particolarmente burbero e inizialmente razzista e omofobo, che si ritrova a dover accompagnare un pianista nero (Mahershala Ali) nel sud degli Stati Uniti degli anni ’60. Il tutto utilizzando una guida per automobilisti ‘negri’, Green Book per l’appunto, dove trovare alloggi e ristoranti per uomini di colore. Inutile dire che km dopo km, concerto dopo concerto, i due diverranno grandi amici.

Da sempre vicino alla comunità LGBT, Viggo non ha ancora rilasciato dichiarazioni nei confronti di John W. Hallett. Ex giudice, oramai, a tutti gli effetti.