Gus Van Sant confessa: ‘avrei potuto girare Brokeback Mountain e Chiamami col tuo nome’

Gus Van Sant snocciola i nomi dei divi di Hollywood che rifiutarono di recitare nel ‘suo’ Brokeback Mountain.

Brokeback Mountain di Ang Lee ha fatto la Storia del Cinema ed è di fatto un film praticamente perfetto.

Eppure tanti registi si avvicinarono a quel progetto, senza riuscire a farlo del tutto loro. Tra questi spiccano i nomi di Pedro Almodóvar e soprattutto quello di Gus Van Sant, regista di Belli e Dannati e di Milk, intervistato per l’occasione da IndieWire.

Nessuno voleva farlo”. “Ci stavo lavorando, e sentivo che avevamo bisogno di un cast davvero forte, di un cast con attori famosi. Ma non stava funzionando. Chiesi ai soliti sospetti: Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Matt Damon, Ryan Phillippe. Dissero tutti detto di no. Sì, tutti quei giovani signori rifiutarono il progetto, per vari motivi“.

A confermare le parole di Van Sant la sceneggiatrice di Brokeback Mountain Diana Ossana, che ha anche prodotto la pellicola insieme a James Schamus e ha adattato la sceneggiatura, tratta da un racconto di Annie Proulx, con Larry McMurtry.

La storia originale, che era stata pubblicata all’interno del New Yorker, era così bella e semplice, e Larry l’aveva trasformata in qualcosa che assomigliava a “L’ultimo spettacolo“, ha ricordato Van Sant riferendosi al classico del 1971 di Peter Bogdanovich, anch’esso scritto da McMurtry. “Il che era davvero buono, se pensavi all’interno di ​​determinati parametri … ma io stavo più pensando a ‘Gerry,’ ‘Elephant’, ‘Last Days’. Volevo tornare alla visione più semplice del racconto, che non potevo fare … Non volevo andare a parlare con Larry e Diana, perché quello che avevano creato era fantastico. Quello che avrei potuto fare, e quello che probabilmente avrei dovuto fare, era non preoccuparmi troppo di chi fossero gli attori principali”. “Non ero pronto. Non sono sicuro del perché“.

Ti suggeriamo anche  Chiamami col tuo nome, Armie Hammer esprime dubbi sul sequel

Ma non finiscono qui i rimpianti di Van Sant, avvicinato da un amico produttore per girare un altro cult LGBT di questi ultimi anni. Chiamami col tuo nome.

Penso che in questo caso … non credo che sarebbe andata a finire come poi è andata, se l’avessi diretto io. Penso che sia un film grandioso. Mi piace. Non sono sicuro che avrei chiuso come ha chiuso Guadagnino, quindi probabilmente non avrebbe funzionato altrettanto bene“.

Gus sarà a breve di nuovo nelle sale d’Italia con Don’t Worry, biopic trainato da Joaquin Phoenix, Jonah Hill, Rooney Mara e Jack Black.