Il premio Oscar Joel Grey fa coming out (a 82 anni)

Il celebre attore di Cabaret racconta la sua omosessualità. Le sue parole.

“Non mi piacciono le etichette, ma se si deve mettere un’etichetta a questo, io sono un uomo gay”. A parlare è Joel Grey, attore pluripremiato, celebre per il ruolo di maestro di cerimonie nel musical “Cabaret” per il quale ha ricevuto l’Oscar come Miglior attore non protagonista.

“Tutte le persone vicine a me – ha spiegato Grey alla rivista People – hanno saputo per anni chi sono. Ma ci è voluto tempo per abbracciare quell’altra parte che sono sempre stato”.

L’attore, in effetti, dal 1958 al 1982 è stato sposato con la collega Jo Wilder dalla quale ha avuto due figli, Jennifer e James.

Infanzia e omofobia

Il percorso che lo ha portato a dichiarare oggi – all’età di 82 anni – la sua omosessualità è lungo e intricato. A questo proposito l’attore ha raccontato a People il clima di omofobia che lo circondava durante la sua giovinezza tra gli anni ’30 e ’40:

“I grandi parlano nella stanza accanto, mia madre compresa, deridendo e ironizzando su certe ‘fatine’ e sugli uomini che venivano trascinati in prigione solo per essere chi erano. [In quel tempo] mi sono reso conto, oltre ad essere attratto da ragazze, che avevo sensazioni simili per i ragazzi”.

Il sostegno della famiglia di Joel Grey

Ti suggeriamo anche  Thanks di Gabriele Di Luca, Luca Zingaretti è una donna transessuale - foto e trailer

Come dichiarato da Grey, la sua omosessualità non era più un mistero per le persone al suo fianco. A seguito del coming out pubblico, la figlia Jennifer ha rilasciato queste dichiarazioni:

“Mi sento molto felice per mio papà che è arrivato a un punto della sua vita in cui si sente al sicuro e abbastanza tranquillo per dichiararsi in modo pubblico come gay. Soprattutto perché molte più persone sono libere di mostrare la loro vera natura e possono sperare di amare e accettare se stessi come realmente sono, non importa a quale età, non importa quanto tempo ci voglia, per essere finalmente liberi dalle bugie o mezze verità: è libertà”.