L’AMBIGUO SESSO DEI DIVI

di

Il bollente Colin Farrell alle prese con la bisessualità; il macho Hugh Jackman gayeggia in teatro; e Julianne Moore bacia l'intervistatrice in diretta TV. Cronache (e gallerie) sexy...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2912 0

Lanciatissimo nell’olimpo Hollywoodiano il bollente irlandese Colin Farrell (Minority Report, Daredevil) sembra essere totalmente a suo agio con la sfida che ha davanti a sé, ovvero quella di interpretare un bisessuale nel nuovo film di Oliver Stone (Platoon, JFK) sulla vita di Alessandro Magno (“Alexander the Great“). Intervistato dalla BBC il rampante attore ha detto di non vedere l’ora di cominciare le riprese: «Dentro c’e’ tutto. C’e’ avidità, gelosia, amore, dolore, speranza, disperazione, orgoglio, amicizia, tradimento. E’ una storia veramente straordinaria. E’ così piena e densa che sembra quasi venire da certa bassa letteratura. C’e’ anche la bisessualità, il che allora non era niente di che. Non c’era neanche la parola bisessualità, era semplicemente parte della società del tempo. La gente faceva l’amore sia con uomini che con donne. Solo successivamente si e’ dovuto cominciare a scegliere su quale sponda stare. E’ incredibile».
Galleria di Colin Farrell

Dopo aver mostrato fisico e artigli nel recente successo “X-Men 2” il Wolverine cinematografico Hugh Jackman e’ invece pronto a confrontarsi con un ruolo decisamente diverso. Interpreterà infatti a teatro la parte del cantante Peter Allan (ex marito di Liza Minnelli) nello spettacolo “The Boy from Oz“, dove Oz sta per Australia, terra natale sia di entrambi. Fu mamma Judy Garland a presentare il biondo e aitante Peter alla figlia Liza in una discoteca di New York. Nonostante lui fosse omosessuale i due si sposarono nel 1967 e rimasero comunque buoni amici anche dopo il loro divorzio. Allen in seguito ebbe un buon successo nel cabaret e fu anche co-autore di canzoni di successo come “I honestly love you” cantata da Olivia Newton-John. Con Burt Bacharach condivise il Premio Oscar vinto in qualità di autori del brano “Arthur’s Theme”, dal film “Arturo”, portato al successo da Christhopher Cross. Allen e’ morto per Aids nel 1992. Ma il bel macho Hugh avrà avuto qualche titubanza a calarsi nei panni di un gay nascosto? Dice il produttore dello show Ben Gannon ad una rivista australiana: «Hugh e’ molto sicuro di sé e ruoli come questo non capitano spesso, gay o etero che siano».
Galleria di Hugh Jackman

Dal canto suo Julianne Moore, reduce dal successo di critica e di pubblico dei suoi ultimi due film “Lontano dal paradiso” e “The Hours“, si e’ esibita durante un’intervista televisiva in un lesbo-bacio inatteso e sorprendente. La conduttrice TV che la intervistava era Barbara Walters, bionda signora di mezza età e personaggio molto popolare presso il pubblico femminile americano per i suoi tanti programmi di intrattenimento e informazione.

Nel film “The Hours” Julianne Moore si scambia un dolce e timido bacio con Toni Collette e durante l’intervista la Walters ha voluto saperne di più ed ha aggiunto: “Hai dichiarato che e’ più piacevole baciare una donna che non baciare un uomo”. La risposta della Moore e’ stata: “Credo di avere detto questo: Toni e’ così graziosa, la sua pelle così morbida, profumava di buono. Non c’e’ stato nessun problema. E’ stata una cosa confortevole che non mi ha intimidito.” A quel punto la Walters le ha chiesto “Io ti intimidisco?”. Dopo aver ricevuto una risposta negativa da parte dell’attrice quindi le ha detto “Bene, allora proviamo”. “Ti do un bacio?” le ha chiesto Julianne Moore. – “Esatto. Va bene”. Dopo aver baciato la sua intervistatrice la Moore le ha chiesto: “Hai visto? Non e’ piacevole? Come profumo?”. “Divinamente” e’ stata la risposta.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...