L’italiano ‘Un altro pianeta’ vince il Queer Lion

Il film costato meno di mille euro e ambientato sulla spiaggia naturista di Capocotta ha vinto il premio glbt della Mostra di Venezia. L’Onorevole Concia lo premierà domani alle 15.00 in sala stampa.

Il film italiano ‘Un altro pianeta’ di Stefano Tummolini, ambientato sulla spiaggia naturista laziale di Capocotta, ha vinto la seconda edizione del ‘Queer Lion’, il premio glbt della Mostra di Venezia, “per l’apprezzabile rappresentazione di una galleria di personaggi con storie, vissuti, gioie, speranze, che attraverso sguardi, incontri di corpi, sesso, parole, musica, si conoscono, si confrontano, si amano e si lasciano. La vita insomma, in ‘un altro pianeta’!”. La giuria era composta da Tinto Brass, Massimo Benvegnù (Il Riformista) e Boyd van Hoeij (Variety). 

L’opera di Tummolini ha sbaragliato la concorrenza di 14 opere: ‘Nuit de chien’ di Werner Schroeter, ‘Jay’ di Francis Xavier Pasion, ‘Khastegi’ di Bahman Motamedian, ‘Il primo giorno d’inverno’ di Mirko Locatelli, ‘Valentino: The Last Emperor’ di Matt Tyrnauer, ‘Below Sea Level’ di Gianfranco Rosi, ‘Pescuit sportiv’ di Adrian Sitaru, ‘Pokrajina Št. 2’ di Vinko Möderndorfer, ‘Venkovský Ucitel’ di Bohdan Sláma, ‘Lønsj’ di Eva Sørhaug, ‘Antarctica’ di Yair Hochner, ‘Ciao’ di Yen Tan, ‘Esprit es-tu là?’ di Philippe Vallois e ‘The Loast Coast’ di Gabriel Fleming. Il premio verrà consegnato sabato 6 settembre alle ore 15.00 nella sala conferenze stampa del Palazzo del Casinò dall’Onorevole Paola Concia.

 

(Roberto Schinardi)

 

LEGGI ANCHE

Cinema gay

Se non hai idee per San Valentino… ecco 5 film...

Se passerete a casa il 14 febbraio, ecco qualche film d'amore per una serata romantica!

di Alessandro Bovo | 14 Febbraio 2019

Cinema gay

Boy Erased NON uscirà in Brasile, scoppia la polemica

La Universal non lo distribuirà a causa dei costi troppo alti per la campagna di lancio. Ma c'è chi parla...

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Curiosità

Bollywood: arriva un film sull’amore tra due donne in India

Un film simile era uscito nel 1996, ma parte della popolazione reagì distruggendo i cinema che lo proiettavano.

di Alessandro Bovo | 4 Febbraio 2019