LA VOGLIA DI SOGNARE

Un lettore non più giovanissimo l’ha persa: "Gli amori gay? Meglio un cd della Vanoni". E la jena: "No alla rassegnazione. O vogliamo finire tutti come vecchie zie?"

Carisssssimo Fabio, esse a parte ti leggo sempre.

Sono le otto meno dieci del mattino e ho appena finito di leggere "innamorarsi? e di chi?" e devo dire che hai pienamente ragione. Ornella Vanoni -della quale ho tutti gli LP dalle mantellate in poi- (chissà quanti anni ho?) cantava anche una canzone di scarso successo commerciale ma molto dolce "La voglia di sognare". Su questa canzone mi sono innamorato come dici tu nel bene e nel male ma in amore tutto fa. Vuoi la grande Ornella, vuoi la passione, vuoi lo sbattimento ormonale, vuoi una qual certa dose di avvenenza di cui ho potuto disporre, vuoi l’esuberanza giovanile, questo tanto strombazzato (nel senso di sbandierato) fidanzato c’è stato ed è stato bellissimo averlo.

Ed ora? Il grande amore è iniziato ed è anche finito e mi tocca di riconoscere che hai ragione perchè mi sono organizzato l’esistenza da vecchia zia e faccio parte della maggioranza silenziosa (maggioranza dei gay) che si difende quando è il caso di difendersi e che attacca quando è il caso di attaccare, ho un lavoro perfettamente anonimo e mantengo me stesso la macchina il camper la bici e faccio qualche viaggio, mi guardo bene dal frequentare i vari punti di aggregazione (che bella parola) in quanto non essendo proprio una bistecca appena tagliata non mi và di passare per il solito bavoso che sbrodola dietro ai primi peli; faccio pipi da solo e la relazione più vicina che ho avuto con Brad Pitt (ma quant’è bello!) è stata metterlo come sfondo sul PC delle mie colleghe.

Il fatto è che se anche un pò mi manca la confidenza di una persona speciale di fatto non faccio nulla per riempire questa mancanza. Gli amori vanno e vengono nonostante l’età e se non arrivano è perchè uno non li vuole, non mi andrebbe più di essere disponibile a rimestare i miei spazi (stellari o psicologici) per far entrare qualcuno che non per colpa mia non sarà mai perfettamente compatibile. Penso che la vera maturità sentimentale sia proporsi da gay al quale non frega nulla della moda ma che sarebbe in grado di valutare lo stato d’uso di un’auto d’epoca o sapere di avere un bel paio di occhi ma con la pelata e in guerra perenne con la pancetta o sapere di essere romantico ma anche un incazzoso e permettere a qualcun’altro di conoscermi e di farsi conoscere. E se poi venissi giudicato come un banale grigio qualunque e non funzionasse? E’ molto più facile metter sù i vecchi LP della Vanoni e ascoltarla cantare:

"E’ inutile tentare di dimenticare
per molto tempo ancora nella vita
dovrai cercare
dettagli così piccoli che tu
non sei ancora pronto per capire
ma che comunque contano per dire
chi siamo noi…"

Beh, alla prossima lettura,

CIAO Sergio

Carisssssimo Sergio!! che bello ricevere lettere come le tua!! E non lo dico perché in qualche modo mi dai ragione (preferire non averne…credimi) ma perché affronti l’argomento con grande eleganza ed ironia (quanto siete simpatici VOI gay!!)

Chiaramente per poter rispondere a questa lettera ho dovuto subito telefonare ad un mio amico (che ha tutta la discografia di Ornella) e chiedere un suo cd da tenere sottofondo. Dopo un suo primo momento di sbigottimento (Come?! non hai nemmeno un cd della Vanoni??!!) si è precipitato qui con alcuni cd che sto ascoltando. Prometto: dopo vado a comprare un doppio live!!

Devo dire che mai come in questo caso sapere la tua età mi incuriosisce. Da come parli (saggio signora mia!) sembri avere 2000 anni, a momenti hai degli slanci di tenerezza ed ingenuità (nel senso di inesperienza…) da sembrare un teen-ager. Poi però improvvisamente torni a fare i conti (un pò troppo duramente!) con la realtà e allora si capisce che proprio un’adolescente non sei…ma quanti anni hai? vogliamo fare un quiz?! chi risponde esattamente vince un cd della tanto citata Ornella Vanoni!

A parte gli scherzi. Sono d’accordissimo con te che avere un fidanzato/a sia una cosa bellissima, e sono più che mai convinto che non per tutti (e meno male!) sia sempre e comunque destinato a finire in un dramma della solitudine (non nel senso Pausiniano del termine…mi si permetta una citazione d’alta letteratura…) Ho ricevuto anche una bellissima lettera di Fabrizio da Firenze che sosteneva proprio il contrario di quello che io affermavo: lui il fidanzato lo ha trovato e proprio grazie alla chat di gay.it!!!

Quello che, magari in maniera un pò troppo pessimistica, volevo dire io, era che difficilmente vedo coppie gay che vanno avanti per moltissimi anni. Certo, esistono!! chiaramente esistono, ma non quante mi (ci) piacerebbe vedere!! Sarà che le coppie eterosessuali hanno meno coraggio a lasciarsi? (noi dobbiamo rendere conto molto meno delle nostre "azioni sentimentali"…) Secondo Gemini (che mi aveva confuso con il mio ex collega Fabio Volo…) non è questione di uomini gay e uomini etero, ma solamente di uomini. Secondo lui l’uomo, rispetto alla donna, è proprio più immaturo!

Detto questo però, non sono assolutamente d’accordo con la tua, chiamiamola così, rassegnazione!! Organizzarsi la vita da vecchia zia non mi piace Sergio!! Anche tu avessi 70 anni la vita può riservarti ancora tantissime sorprese!!!(Scusa l’eccesso d’entusiasmo, ma tanti anni di carramba che sorpresa mi hanno rovinato!) Che vuol dire "non frequento locali perché non voglio fare la figura del bavoso che sbrodola dietro ai primi peli.."??!! La figura del bavoso uno, se permetti, la può fare anche a casa! Nei locali ci si può andare eccome! dipende da come ci vai, con che spirito! Certo se ci vai vestito come una letterina di Passaparola è chiaro che, passati i diciotto anni, uno rischia di fare la figura della poveraccia!! E poi lo sai che esistono locali dove vanno molto di moda quelli non proprio più di primo pelo?!…

Gli amori vanno e vengono, hai ragione, ma bisogna essere pronti ad intercettarli e, soprattutto, a fargli spazio accanto a noi…cosa mooolto difficile. Hai ragione è più facile mettere un cd dell’Ornella e sognare, sognare… ma la vita è qui, caro Sergio! e bisogna viversela (Nemmeno Renato Zero ha mai osato tanto in uno dei suoi testi…!!) Quest’estate prendi il tuo camper e fatti un giro in cerca di felicità…a proposito di camper (che gay atipico!) Lancio una proposta: Perché non organizziamo un camping gay per quest’estate!!?? Mi raccontano cose meravigliose le persone che li organizzavano anni fa!! Potrebbe essere un’occasione per conoscere persone diverse, meno attente al look, che ne so, più vicine alla natura, o meglio: più naturali!!! Per citare la Vanoni che ci ha fatto conoscere telematicamente direi: Diamoci "L’appuntamento" al campeggio gay, sono sicuro che là troveremo tutti l’anima gemella. Per cortesia, che qualcuno cominci ad organizzarlo, grazie!