Madonna conquista la Côte per le riprese del suo “W.E.”

Dopo le riprese a Cannes e VilleFranche, la Material Girl è tornata a Parigi per girare alcune scene di “W.E.” in rue de Rivoli e al Bois de Boulogne, scatenando i fan accorsi per vederla.

Sulla Côte non si è parlato d’altro per giorni. Da quando Madonna è sbarcata in forze a Cannes lo scorso 29 luglio per la sua opera seconda da regista, “W.E.”, è stato tutto un fibrillante andirivieni di notizie più o meno attendibili sulle sue apparizioni fugaci da un punto all’altro della Costa Azzurra. E l’inossidabile Madge è subito diventata “Madonnà”. Dopo l’eccentrico esordio gipsy-underground “Sacro e Profano”, la superdiva pop si è appassionata a un progetto sulla carta più tradizionale, un biopic in costume su un amore proibito che infiammò le cronache degli Anni Trenta, quello tra Wallis Simpson, borghese americana divorziata due volte e il re britannico Edoardo VIII che per lei abdicò a favore del fratello Giorgio VI causando un epocale scandalo a corte (“W.E.” sono le iniziali di Wallis e Edoardo ma si legge anche come ‘noi’).

Si può comprendere come Madonna sia stata attratta da un personaggio controverso qual era Wallis Simpson, arrampicatrice sociale definita ‘mangiatrice di uomini’, attratta dal lusso sfrenato e con simpatie naziste che le fecero ricevere elogi da Hitler in persona una volta diventata duchessa di Windsor (celebre l’invito per un tè nella villa del dittatore a Berchtesgaden, sulle Alpi bavaresi). Ebbe anche una storia con Galeazzo Ciano, genero di Mussolini, quand’era console generale a Shangai e già sposato con Edda, figlia del duce fascista. Wallis rimase incinta di lui e fu costretta ad abortire. Se inizialmente Madonna aveva intenzione di interpretare la protagonista, ha poi optato per l’attrice inglese Andrea Riseborough che ha lavorato soprattutto in tv, come il conterraneo James d’Arcy, colui che incarna Edoardo VIII, apparso anche in “Wilde” di Brian Gilbert.

Ti suggeriamo anche  My Days of Mercy, primo trailer per il film con Ellen Page e Kate Mara innamorate

È invece l’australiana Abbie Cornish a interpretare la sposa newyorchese nella storia d’amore parallela ambientata però ai nostri giorni. Soprannominata ‘la nuova Nicole Kidman’ per la somiglianza con la più celebre collega, Abbie Cornish esordì nel lesbico “La maschera di scimmia” e abbiamo potuto ammirarla nel ruolo di Fanny Browne fremente di passione per il poeta John Keats nell’elegiaco “Bright Star” di Jane Campion. La sceneggiatura di “W.E.” è stata scritta dalla regista stessa in collaborazione con Alek Keshishian che aveva codiretto “A letto con Madonna”.

Le prime scene in Costa Azzurra sono state girate al mattino sulla soleggiata spiaggia di Palm Beach e nel pomeriggio nella sfarzosa villa Domergue, ingentilita da un meraviglioso giardino terrazzato, dove si è ricostruito il pranzo nuziale di Wallis ed Edoardo. Madonna si era innamorata del luogo poco dopo il Festival di Cannes, quando era venuta a perlustrare la zona alla ricerca di location adatte al suo film.

A Villefranche è stata invece realizzata una scena in cui la coppia Wallis-Edoardo sbarca nel porto dallo yacht reale “Rainbow of London” e viene assediata da giornalisti e fotografi ma contestata da un gruppo di fedeli monarchici. Si è persino vista la regista stessa, in completino bianco e cappellino a tesa larga, incitare le comparse a gridare “Leave the King!” (“Lascia il re!”) mentre il gossip sulla presunta sigaretta fumata da Madonna è stato smentito con la spiegazione che si trattava di un oggetto di scena che, insieme ad un accendino, la regista stava consegnando a un attore sul set.

Il giorno dopo si è spostata a Parigi, in rue des Saints-Pères, nell’elegante quartiere di Saint-Germain des Prés, dove ha girato alcuni interni ed esterni presso l’hotel Saints-Pères. Si è quindi sposata al Bois de Boulogne, diventato per l’occasione il parco del castello di Windsor. È stata avvistata anche in rue de Rivoli, dove sono stati presi alcuni ciak davanti all’hotel “Le Meurice”. Poiché la strada non è stata chiusa interamente, si è subito creato un assembramento di fan e curiosi che hanno tentato di raggiungere la star quando Madonna ha attraversato la strada con alcuni membri dello staff nella zona in cui la circolazione delle auto proseguiva regolarmente, per sedersi sul marciapiede di fronte e studiare l’inquadratura. Inutile dire che per gli automobilisti dev’essere stata una specie di apparizione mariana!