Puoi baciare lo sposo, Generazione Famiglia all’attacco della commedia LGBT

di

Filippo Savarese, portavoce di Generazione Famiglia, all'attacco della commedia LGBT Medusa. Colpa, si fa per dire, di una scuola che avrebbe 'obbligato' gli studenti a vedere il film.

CONDIVIDI
365 Condivisioni Facebook 365 Twitter Google WhatsApp
11659 1

Si sta comportando benissimo Puoi baciare lo sposo di Alessandro Genovesi, da sette giorni al cinema e nella giornata di ieri riuscito ad incrementare gli incassi rispetto a giovedì scorso del 25%, arrivando ad un totale di 1.251.476 euro.

Un ottimo risultato per la commedia LGBT Medusa, che ha come protagonisti Salvatore Esposito e Cristiano Caccamo, coppia gay pronta a sposarsi dopo aver fatto coming out in famiglia. Un film ben accolto dalla critica e dal pubblico, visto l’ottimo passaparola, ma neanche a dirlo attaccato dagli immancabili estremisti cattolici. Filippo Savarese, co-fondatore del Comitato “Difendiamo i Nostri Figli” nonché portavoce di Generazione Famiglia – La Manif Italia, ovvero gli ideatori del tristemente celebre Bus dell’Omofobia, ha infatti pubblicato un duro attacco social nei confronti della pellicola e della scuola italiana, parlando addirittura di ‘deportazione’ ai danni di minori.

Poco fa mi ha chiamato una mia amica, madre di 5 figli, per avvisarmi che la figlia, 13enne, primo anno al Liceo Amaldi di Roma, stamattina è stata condotta e anzi deportata con la sua e con altre classi in Aula Magna a vedere ‘Puoi baciare lo sposo’, l’ultimo film di Genovese sulla storia di una coppia gay“.

Deportazione al cinema. A questo siamo arrivati, nell’imbarazzante e volgare tentativo di affondare un film solo e soltanto perché centrato su una coppia di omosessuali.

Questo ennesimo episodio di propaganda politica e ideologica su minorenni, come sempre all’insaputa dei genitori, non merita ‘dialogo’. Merita il più alto grado di ira. Perché esiste una Santa Ira che a suo tempo deve – deve – essere impiegata. Alla mia amica ho assicurato tutto l’aiuto possibile, e consigliato di riunire subito un gruppo di genitori per protestare con la Dirigenza della scuola, e di mandare avanti il marito, che ha una vena notevole quando serve. Una volta dentro la Presidenza deve gridare. Certo: gridare.
Chi di dovere deve capire che ci sono limiti superati i quali si rischia seriamente. E per davvero. Usate la massima diplomazia nel costruire un rapporto di fiducia con la scuola. Usate la massima (Santa) Ira quando la scuola viola questa fiducia. Difendete i vostri figli“.

Difenderli da cosa non è chiaro. Forse dai genitori ciechi e sordi che ritrovano in casa una volta tornati da scuola. Noi omosessuali esistiamo e in quanto tale pretendiamo quella rappresentazione televisiva e cinematografica che lentamente, finalmente, sta prendendo piede anche in Italia.  Alla scuola, che ha il compito di educare gli studenti al rispetto e all’inclusione, il dovere di utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per riuscire nell’intento. Cinema in testa.

Leggi   La Corte Suprema degli Stati Uniti dà ragione al pasticcere che non ha servito due sposi gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...