Sorelle Marinetti: “Vogliamo le scuse di Baudo”

Le tre Sorelle Marinetti non si presentano sul palco di “Domenica In” dopo le frasi di Pippo Baudo. Ora chiedono giustizia: “Basta pregiudizi, vogliamo le sue scuse”.

Turbina, Mercuria e Scintilla non ci stanno. Le Sorelle Marinetti, le tre coriste che si sono esibite al Festival di Sanremo con Arisa col brano "Malamoreno", chiedono le scuse di Pippo Baudo per le frasi offensive nei loro confronti pronunciate durante la puntata di Domenica In.

"Eravamo dietro le quinte pronte per entrare e cantare il nostro brano insieme ad Arisa – dicono le Sorelle Marinetti a Gay.it -, ma dopo aver sentito Baudo che ci dava delle travestite e che ci paragonava alle Sorelle Bandiera non ce la siamo sentita proprio e ce ne siamo andate".

Tutto si svolge in pochi secondi:

– Baudo: "Tu canti con un trio giusto? Dove sono le Sorelle Bandiera?"

– Arisa: "Veramente si chiamano sorelle Marinetti"

– B: "Ah già!Tu sai chi era Francesco (in realtà il nome corretto è Filippo, ndr) Tommaso Marinetti? un filosofo… "

– A: "Veramente non lo so…"

– B: "E che vuoi sapere? Come mai hai scelto le Marinetti? "

– A: "Avevo bisogno di un trio e la mia casa discografica me le ha proposte. Loro lavorano in Lombardia e io non le conoscevo. "

– B: "Ah si giusto, perchè delle donne normali non l’hai trovata per il ritornello e allora… "

Ti suggeriamo anche  Corinne Cléry: "Io, il GF, Giulia, Serena e l'omosessualità di Tonon"

– A: "Veramente loro sono degli artisti che si vestono così… "

"Un’autrice ci ha minacciato che avremmo avuto conseguenze se non ci fossimo esibiti – dice il produttore delle Marinetti Giorgio Bozzo – ma eravamo lì a titolo gratuito e solo per cortesia, e le cortesie non si fanno per forza, soprattutto dopo il trattamento ricevuto da Baudo".

Dopo aver abbandonato lo studio le Sorelle adesso chiedono di più: "Siamo una compagnia teatrale di 18 persone – dice Bozzo – che porta avanti questo progetto da sei anni. Baudo adesso deve delle scuse a tutti noi"