Summertime, nuovo film di Gabriele Muccino: i viaggi di una coppia gay

Uscirà in estate la commedia on the road con Joseph Haro e Taylor Frey fidanzati

Sarà una coppia gay la protagonista del nuovo film di Gabriele Muccino, Summertime – L’estate addosso, on the road vacanziero girato tra Roma, San Francisco, New Orleans e Cuba su un ragazzo e una ragazza che, dopo la maturità, durante un viaggio in California, conoscono una giovane e affiatata coppia omosessuale. Si tratta di due splendidi ragazzi americani, interpretati dal delicato Joseph Haro – era Warbler in Glee – e dal tonico Taylor Frey, apparso in Carol e in Gossip Girl.

Muccino non rilascia ancora interviste su Summertime ma al Festival della Commedia di Montecarlo, vinto dallo spagnolo Anacleto Agente Segreto di Javier Ruiz Caldera, al regista romano è stato assegnato un premio speciale consegnato dal Principe Alberto di Monaco.

“Si tratta della storia di quattro giovani – ha spiegato Muccino a Variety a proposito di Summertime in quell’unica e irripetibile fase formativa dopo il liceo, prima dell’Università, durante la quale frantumano la conchiglia dell’adolescenza. Sono quattro giovani che cercano la propria identità e il significato della propria vita. Questo viaggio estivo metterà in risalto le dinamiche di gruppo che non solo definiscono esplorazioni culturali, ma causano anche inattese interazionali emozionali. Sono dinamiche d’innamoramento, infatuazione e attrazione non corrisposta”.

La coppia etero sarà interpretata da Matilda Lutz (Rings) e Brando Pacitto (Braccialetti Rossi).

Realizzato da Indiana Productions con la collaborazione di Rai Cinema, e un budget complessivo di circa cinque milioni e mezzo, sarà portato in sala da 01 Distribution probabilmente verso l’estate. Al Marché di Cannes si prevedono preacquisti internazionali.

Ti suggeriamo anche  Terapie riparative, dati allarmanti dagli Usa: "bisogna vietarle"

Nella colonna sonora spicca il brano di Jovanotti L’estate addosso che dà il sottotitolo alla commedia.

Si preannuncia quindi un raro tentativo del cinema italiano di affrontare il tema dell’omosessualità attraverso la normalità di una coppia come tante: vedremo.