Thiago: dal GF a Gay.it

di

Il brasiliano del Grande Fratello spiega a Gay.it perché nella casa non è riuscito a dare il meglio di sé. E a proposito di un suo presunto passato...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1882 0

Che tipo di emozioni hai vissuto nella Casa del Grande Fratello?Tantissime emozioni, tutte diverse tra loro. Il Grande Fratello mi ha messo più volte di fronte a scelte difficili. ho vissuto sensazioni fortissime che credo mi abbiano condizionato parecchio anche nel modo di comportarmi all’interno della casa.

Tanti momenti difficili, a partire dalla selezione iniziale, che prevedeva l’ingresso tra te e tua moglie. Il Grande Fratello è stato troppo crudele nei vostri confronti?

Bisogna tenere conto che è un gioco, per cui è normale che il Grande Fratello non ci abbia pensato due volte a metterci in difficoltà. Devo dire però che la selezione non ha colto di sorpresa né me né mia moglie. Avevamo calcolato la possibilità che ci avrebbero potuto separare. L’idea di partecipare al Grande Fratello è stata mia, e solo in un secondo momento mia moglie è entrata nelle rosa dei possibili inquilini. Ecco perché non ha avuto dubbi sul fatto che tra i due dovessi entrare io.

Un’altra situazione difficile l’hai vissuta quando, con un finto video-messaggio, tua moglie Benedetta ti ha chiesto di uscire. Non lo hai fatto e sei stato accusato di egoismo…

Con Benedetta, prima di entrare nella casa, abbiamo parlato tanto e ci siamo detti che in qualunque caso saremmo dovuti andare avanti. Mi sono ricordato le sue parole, e oltretutto ho pensato che restando avrei potuto vincere portando a casa il montepremi finale. Ho agito in maniera molto razionale.

Se fosse stata lei a trovarsi nella tua situazione e a scegliere di rimanere nella casa, ci saresti rimasto male?

Assolutamente no. Non avrei mai impedito a mia moglie di tentare di arrivare fino in fondo.

Ti sei descritto come una persona solare e determinata, ma nella casa non ti sei esposto molto. Perché?

La maggior parte del mio tempo l’ho passato a fare calcoli e ragionamenti per le situazioni di cui abbiamo parlato prima. Il pubblico a casa ha visto solo un Thiago tranquillo e moderato. Non sono riuscito a mettere in luce l’altro lato del mio carattere. Di sicuro le scelte a cui mi ha messo di fronte il Grande Fratello mi hanno condizionato psicologicamente influendo anche sul mio comportamento.

Avresti voluto mostrarti in modo diverso al pubblico?

Sarei voluto essere come sono di solito: un Thiago solare, partecipe e non solo spettatore, come invece sono stato. Anche a me non è piaciuto molto il mio comportamento all’interno della casa.

Benedetta ha detto di essere molto gelosa di te. Ma il suo non è un attaccamento quasi morboso?

Io e Benedetta siamo molto legati, e dipendiamo molto l’uno dall’altro. Parliamo e ci confrontiamo su tutto. Una volta era molto più gelosa, ora lo è molto meno perché è riuscita a controllare e moderare la sua impulsività.

Sei innegabilmente un bel ragazzo. Di sicuro avrai molte corteggiatrici ma anche molti corteggiatori…

Mi è capitato che dei ragazzi mi facessero dei complimenti in maniera rispettosa ed educata, e per questo li ho rispettati molto.

Come vive un omosessuale in Brasile, il tuo paese di origine?

Credo meglio che in Italia. Nel vostro paese ho notato che c’è ancora molta discriminazione mentre in Brasile c’è un atteggiamento molto più liberale nei confronti del mondo omosessuale. Da voi gay e lesbiche stanno – giustamente – conducendo battaglie per ottenere dei diritti. Credo che siamo arrivati ad un punto in cui è giusto lottare per essere rispettati al di là delle proprie preferenze sessuali.

Adesso volevo darti il diritto di replica rispetto ad una segnalazione che ci ha fatto un lettore, che avrebbe notato una somiglianza sospetta tra te ed un attore porno-gay… (leggi qua)

Io non ho mai fatto film porno, né eterosessuali né omosessuali. Non ho mai fatto nemmeno foto porno. Sono le classiche dicerie che girano su internet, che non hanno fondamento e non rispondono al vero.

Di Silvia che idea ti sei fatto?

L’ammiro per la sua forza. Non è semplice nella società ipocrita in cui viviamo fare scelte nette come la sua. A volte la propria omosessualità viene mascherata per salvare le apparenze, un gay si crea una famiglia, si sposa con una donna, fa figli, e continua a vivere la propria omosessualità in maniera parallela. Così per difendersi dai pettegolezzi della gente, si rischia di far male a molte più persone. Ammiro le persone che come Silvia hanno avuto il coraggio di fare scelte difficili.

di Michele Sabia

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...