Toyota fa causa ad una porno star gay :”Quel nome è nostro”

‘Lexus’ è la mela della discordia, nome usato dalla casa automobilistica per la sua serie di lusso e da un attore porno come nome d’arte. Il nome sarebbe un marchio registrato.

Cosa ha a che fare Toyota con il porno gay? Molto, a quanto pare. La filiale statunitense della casa automobilistica giapponese ha recentemente mandato una lettera a Daniel Grangier, presidente e amministratore delegato della svizzera Eboys Studios, riguardo a uno degli attori principali dei loro film che ha scelto come nome d’arte Lexus.

Secondo un comunicato stampa, l’azienda automobilistica ha fatto notare a Graingier che il nome Lexus è un marchio registrato da Toyota Motors Sales USA Inc. e che utilizzando quel nome in film per adulti Eboys viola il Federal Trademark Act e lede la reputazione di Toyota.

Insomma, secondo Toyota ‘Lexus’ deve sparire immediatamente dai DVD, siti e qualsiasi altro materiale di Eboys che riporti, illegalmente, quel nome garantendo anche di non vendere più nè pubblicizzare i due film in cui recita l’attore che porta il nome dell’auto giapponese.

La minaccia è chiaramente quella di rivolgersi ad un tribunale se le richieste non verranno soddisfatte quanto prima.

Grangier ha dichiarato che la scelta è stata fatta ispirandosi al dio greco e non alla serie di auto di lusso di Toyota.

"I nostri avvocati stanno cercando un accordo con Toyota – ha dichiarato – ma se non dovesse essere possibile trovarne uno, saremo costretti a rivolgerci ad un tribunale. Voglio proprio vedere quale giudice ci può imporre di non usare il nome di un dio greco nei nostri film".

Ti suggeriamo anche  Mary Poppins 3, il regista sogna un sequel 'incentrato sui diritti LGBTQ'