Tua sorella è lesbica? Non pensarci!

Nella discreta commedia di Gianni Zanasi “Non pensarci” il protagonista Stefano (Valerio Mastandrea) fa credere ai genitori che la sorella Michela sia lesbica. Ma i problemi di famiglia sono altri.

Anche il cinema rispecchia una realtà ormai assodata: l’outing femminile fa ancora più scandalo e paura di quello maschile. Nell’operina disinvoltamente rock Non pensarci del vignolese Gianni Zanasi, il protagonista Stefano Nardini (Valerio Mastandrea, azzeccatissimo) è un pigro chitarrista che ha avuto in passato un periodo di celebrità ma adesso fatica a farsi produrre il nuovo disco e quando sorprende la fidanzata a letto con un collega si sente improvvisamente smarrito. Decide quindi di andare a trovare la sua famiglia a Rimini, dove vivono, insieme ai genitori, il fratello Alberto (Giuseppe Battiston) che lavora nell’azienda di famiglia specializzata nella produzione di ciliegie sotto spirito, e la sorella Michela (Anita Caprioli), solitaria ammaestratrice di delfini. Non avendola mai vista con un ragazzo e sapendo che vive con una sua amica, Stefano si convince che Michela sia lesbica e lo rivela a mamma e papà: apriti cielo.

Seguono imbarazzi e preoccupazioni, silenzi carichi di apprensione ingiustificata e infine un surreale discorso stracolmo di classici luoghi comuni – ma tragicamente ricorrenti – quali «Per noi sarai sempre la nostra Michela», «Questo non cambia nulla», eccetera. Peccato che la più basita sia proprio lei, eterosessuale convinta, e inferocita col fratello per aver fatto circolare in famiglia questa informazione assolutamente inventata.

Ma i problemi di famiglia sono ben altri, ossia la fabbrica dei Nardini a rischio fallimento, presa di mira da banche e sindacati, triste situazione a rischio di collasso economico da tenere però nascosta a papà Walter (Teco Celio) reduce da infarto.

Altro spunto gay del film, il personaggio dell’amico depresso Luciano detto "Matrix" (Luciano Scarpa), che riserva un’accoglienza estremamente calorosa e sguardi carichi di appassionato fervore nei confronti del ritrovato Stefano.

Non pensarci parte molto bene e ritrae con accuratezza e dialoghi fulminanti la vita di provincia apparentemente serena e ovattata che cova invece un’infinità di magagne, svelate con ironia dal ribelle scafato, ruolo che calza a Mastandrea come un guanto.

Poi, nel secondo tempo, si accumulano i quadretti isolati che rischiano di esaurirsi nell’esiguità dello sketch e non tutti i nodi vengono al pettine (la sottotrama della squillo interpretata da Caterina Murino resta sospesa) rischiando così di affondare nella "carineria" consolatoria gli spunti più graffianti disseminati all’inizio. Ma il cast è ben oliato, la recitazione adeguata e ben scelta risulta la selezione musicale della robusta colonna sonora: tra i più incisivi, il compianto Ivan Graziani con l’immortale "Agnese dolce Agnese", "London Crawling" cantata dai Rialto, "February Lullaby" dei Les Fauves.

Si può vedere.

LEGGI ANCHE

Cinema gay

Se non hai idee per San Valentino… ecco 5 film...

Se passerete a casa il 14 febbraio, ecco qualche film d'amore per una serata romantica!

di Alessandro Bovo | 14 Febbraio 2019

Cinema gay

Boy Erased NON uscirà in Brasile, scoppia la polemica

La Universal non lo distribuirà a causa dei costi troppo alti per la campagna di lancio. Ma c'è chi parla...

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Curiosità

Bollywood: arriva un film sull’amore tra due donne in India

Un film simile era uscito nel 1996, ma parte della popolazione reagì distruggendo i cinema che lo proiettavano.

di Alessandro Bovo | 4 Febbraio 2019