“Valentino – L’Ultimo Imperatore” a due passi dall’Oscar

Sempre più concreta la possibilità che il doc sul grandissimo stilista italiano, firmato da Matt Tyrnauer, possa vincere l’Oscar. Infatti è nella rosa dei candidati. Da oggi nelle sale con Medusa.

Il documentario di Matt Tyrnauer "Valentino – L’Ultimo Imperatore" in uscita oggi nelle sale cinematografiche grazie a Medusa è entrato nella short list di quindici titoli in corsa per l’Oscar. Lo ha annunciato l’Academy. Tyrnauer batte così Michael Moore che, sorprendentemente, è stato escluso dalla rosa di candidati. La cinquina dei candidati all’Oscar verrà resa nota il 2 febbraio.

"Si tratta di una notizia straordinaria" ha dichiarato il celebre stilista. "Non so bene come reagire. Sono felice! Anche se ho avuto molti premi dalla Moda, per il cinema sono solo un debuttante. Che dire? Un premio Oscar sarebbe un incredibile coronamento per un imperatore!".

Il film racconta la storia dei 45 anni della prodigiosa carriera di Valentino attraverso le testimonianze del suo entourage che mai prima d’ora aveva raccontato gustosi retroscena dello sfavillante universo dell’Imperatore della Moda.

Valentino Garavani e il grande amore della sua vita, il socio Giancarlo Giammetti, protagonisti del film, hanno sfilato insieme a Madonna qualche giorno fa a New York per promuovere il film. In sala c’erano anche molte star hollywoodiane tra cui Hugh Jackman, Adrien Brody, Brian Grazer e Stephen Daldry.

"È il racconto di una famiglia: di Valentino e della Valentino, l’azienda, dalla sua nascita. Una storia d’amore, un ritratto di un grande italiano che porta in alto il nome dell’Italia nel mondo" così l’ha annunciato a Venezia Giampaolo Letta, vicepresidente e amministrazione delegato di Medusa Film, alla presenza di Valentino e di Giancarlo Giammetti. Al Lido "Valentino" ha impressionato positivamente pubblico e critica.

Ti suggeriamo anche  H&M collabora con Eytys per una collezione gender free

Alla prima milanese, il famoso couturier è stato accolto, tra gli altri, da Giorgio Armani, Matteo Marzotto, Naomi Campbell e Carlo Rossella, presidente di Medusa e produttore del film.