Al cinema Boxtrolls, il cartone per le famiglie, tutte le famiglie

“A volte ci sono una mamma e un papà, a volte due papà e a volte… i Boxtrolls”.

Da oggi al cinema Boxtrolls, un cartone, che mixa stop motion e 3D, e che racconta la storia di un bambino che viene adottato da un gruppo di scatole. Perché, come hanno spiegato gli stessi registi Anthony Stacchi e Graham Annable, “il viaggio di Uovo (il protagonista) dimostra che ci sono famiglie di tutte le forme e dimensioni” e che “se non ti trovi bene nel mondo, non sei tu che devi cambiare, ma devi fare di tutto perché sia il mondo a cambiare per adattarsi a te”. Intervistato da Repubblica, uno dei due registi ha spiegato: “Io ho un figlio, accanto a noi vive un altro bambino che ha due padri e nella sua classe ce n’è uno che ha due madre e per lui non fa alcuna differenza. Più tutto questo sarà nei film, più ogni tipo di famiglia non costituirà un problema”.