Come accettare tuo figlio o tua figlia se è gay, lesbica o bisessuale

Il coming out di tuo figlio o di tua figlia ti ha distrutto? E’ normale, serve tempo per riordinare i pensieri, capire che non è un problema!

Se hai messo al mondo dei figli è perché avevi il desiderio di offrire loro le condizioni migliori per vivere una vita bella e realizzante, dovresti aver messo in conto anche che tuo figlio o tua figlia, crescendo, avrebbe potuto fare delle scelte e/o avere dei gusti diversi dai tuoi e che, comunque, avrebbero deciso loro stess* come vivere la loro vita, tenendo come base che l’amore per i genitori e per la famiglia è uno degli amori più importanti nella vita e che non dovrebbe venire a mancare.

Ascolta, parla e fatti raccontare

Il momento dell’ascolto in un rapporto d’amore è molto importante se si vuole accettare l’altr* Quando si ascolta dovremmo interrompere i propri pensieri e immedesimarci nel racconto dell’altra persona. In questo modo è più facile non giudicare come giusto-sbagliato, buono-cattivo, sano-insano, le cose che l’altro dice e pensa di sé, in base alla sua esperienza che solo lui o lei sa cosa ha voluto dire. Dovresti essere orgoglioso di entrambi, già solo perché ha avuto sufficiente fiducia in te e in sé per dirtelo, e non abbia scelto di nasconderti una parte fondamentale della sua persona, quella legata all’amore. Condividete pensieri, fai le domande e parlate insieme delle tue preoccupazioni.

Ciò che conta è che sia felice

Ricorda che, a prescindere dalle domande che viene istintivo porsi tipo “sarà nato gay o c’entro qualcosa io?” oppure “cosa penseranno di noi i parenti?”, ciò che più conta per voi e che tuo figlio stia bene in tua compagnia, si senta a suo agio e sia libero o libera di esprimersi per ciò che sente di essere e non per ciò che “il resto del mondo” si aspettava da lui o da lei. Sappi accettare la sua felicità.

Accetta la sua diversità come un valore

Per questo cerca di accettare il suo orientamento sessuale, qualunque esso sia, perché i suoi gusti sono quello che gli fa battere il cuore, quello che lo emoziona più di tutto e uno degli istinti più forti che ha. Reprimere i propri istinti, specie se non fanno del male a nessuno, è una delle pene più grandi che una persona può auto infliggersi, per cui se ami la tua creatura, scegli per lei la libertà.

Confrontati con genitori che hanno avuto esperienze simili

Se hai difficoltà ad accettare la sessualità di tuo figlio, prendi in esame la possibilità di unirti a un gruppo di genitori che ci sono già passati. Nella vita si può imparare tutto e niente ci deve fermare dal crescere sempre. In Italia, la più importante associazione ramificata nel territorio, che unisce genitori di persone LGBT, è l’Agedo. Contattala se vuoi anche soltanto fare due parole, loro sapranno come tranquillizzarti in poche ore e, intanto, guarda il video #amoredimmelo che hanno fatto in occasione del Coming Out Day.

Parlane con un terapista o una terapista che conosce il mondo LGBT

Come suggerivamo nell’articolo relativo alla scelta di una persona competente per le questioni LGBT Queer, anche parlarne con uno psicologo può essere un’opzione, ma assicurati che conosca le problematiche legate al mondo LGBT. Questo ti aiuterà meglio e più velocemente e non ti farà sentire giudicat*.

Ti suggeriamo anche  Coming out di famiglia: la singolare storia arriva dal Connecticut

Prova a conoscere il mondo LGBT

L’universo LGBT, con le sue similitudini e le sue peculiarità è un mondo ricco di differenze ed estro. Conoscere gli amici e le amiche di orientamento LGB di tu* figli* sarà molto divertente e curioso. Scoprirai molto sull’abbattimento dei ruoli di genere, sulla parità e sulla condivisione e che, ogni piccolo mondo, ha i suoi pregi e i suoi difetti. In questo modo potrai capire ancora meglio i pensieri, le dinamiche e i sentimenti che circondano tuo figlio o tua figlia e vedere che, pur con delle differenze, l’amore è uguale per tutti e tutte e accettare le differenze è alla base della buona convivenza.

ragazza lesbica contenta di essere al pride

Non vergognarti anzi siine fiero o fiera

Non vedere la sessualità di tuo figlio come qualcosa da nascondere per non fare brutta figura: l’omosessualità e gli altri orientamenti non eterosessuali non sono più un segreto, la gente ne parla, s’informa, si racconta e la società sta pian piano familiarizzando con l’argomento, basti pensare ai giovani: la tua famiglia potrebbe replicare questo tuo atteggiamento. Incoraggia l’accettazione dimostrando a tutti che rispetti e capisci tuo figlio. Anche dimostrare di accettarlo ti può portare a fare un ulteriore passo in avanti verso l’elasticità mentale e una vera empatia.

Non smettere mai di essere curios* della sua vita

Non reprimerti o imbarazzarti solo perché ha un gusto sessuale diverso dal tuo o che non t’immaginavi: le paure legate al parlare di sesso in famiglia sono dovute alla sessuofobia che fa parte dell’educazione cattolica che abbiamo ricevuto, niente di più niente di meno. Il sesso è uno dei piaceri della vita e l’amore è, forse, l’aspetto più importante della vita. Parla con lui o lei dei suoi rapporti, dei suoi successi e insuccessi e di cosa gli piace. L’amore è spesso difficile per tutti e tutte, ma non per questo non vale la pena cercarlo.

curiosità rappresentata con tanti punti interrogativi